Vietato infilarsi un cono gelato in tasca… e altri divieti


Viaggiare è bellissimo, si vivono nuove esperienze e si arricchisce il proprio bagaglio culturale. In molti casi, però, si rischia di impoverire il proprio portafogli! In alcuni Paesi del mondo, infatti, vigono divieti a dir poco bizzarri. La loro trasgressione potrebbe costarti una multa e una figuraccia! Scopriamoli insieme.

1) Corea del Nord: vietati blue jeans e piercing

Nel Paese di Kim Jong-un lo stile occidentale non è visto affatto di buon occhio. Sembra essere questo il motivo per cui, specialmente nelle province settentrionali di Hamgyong e Yanggang (a confine con la Cina) vige per i cittadini il divieto assoluto di portare orecchini e piercing e indossare i blue jeans. Il colore blu del tessuto denim, inoltre, sarebbe associato agli Stati Uniti, che il dittatore considera nemici storici.

2) Turkmenistan: vietato cantare in playback

L’ex presidente Saparmurat Niyazov ha vietato, nel 2005, di esibirsi in pubblico cantando in playback. La motivazione addotta sarebbe stata la preservazione della vera cultura. Se in questo caso Niyazov sembrava mosso da nobili intenzioni, lo era forse meno quando ha vietato l’opera e il balletto, considerati di nessuna utilità.

3) Grecia: vietati i tacchi alti nei siti archeologici

divieto tacchi alti grecia.jpg

Un divieto, quello greco, che probabilmente ha ben pochi trasgressori. Chi mai si sognerebbe di avventurarsi nei siti storici con i piedi strizzati in un paio di sandali col tacco alto? I legislatori ellenici hanno deciso comunque di non correre il rischio, vietando dal 2009 l’uso dei tacchi in tutte le zone archeologiche che potrebbero rovinarsi e che vanno quindi tutelate con particolare attenzione.

4) Thailandia: vietato calpestare il denaro

Se sei in vacanza in Thailandia, stai ben attento a dove metti i piedi. Calpestare il denaro, infatti, anche involontariamente, è considerato illegale. Sul Bath, la moneta in uso, è raffigurato il Re. Calpestarlo equivale quindi a disprezzare e offendere la famiglia reale.

5) Inghilterra: vietato morire in Parlamento

Questa legge è stata votata, nel 2007, come la più stupida di tutta la storia della giustizia britannica, un bel primato. Il divieto di morire in Parlamento è legato al Coroners Act, approvato nel 1887 e confermato nel 1988. Il medico legale reale ha il dovere, secondo questo regolamento, di svolgere un’inchiesta dettagliata nei casi di morte all’interno di qualunque palazzo della regina, quindi anche del Parlamento. Nei casi poco chiari vige addirittura l’obbligo di formare una commissione d’inchiesta all’interno della famiglia reale. Per evitare questo dispendio di tempo, energie e denaro, è stato approvato il divieto. Chi dovesse sentirsi male all’interno del Parlamento sarà quindi accompagnato prontamente all’uscita.

6) Iran: vietati i capelli lunghi per gli uomini

Esiste una lista di tagli di capelli considerati inappropriati, quindi vietati. Niente code di cavallo né mullet per gli uomini iraniani. Questo prevede la serie di divieti approvati dalle autorità Nel 2015, a completamento di un provvedimento del 2010 che vietava anche l’uso del gel.

7) Italia: vietato raccogliere la sabbia in Sardegna

vietato raccogliere sabbia.jpg

Stintino è solo una delle località della Sardegna che hanno approvato severi regolamenti per disciplinare le attività sul litorale. Vietato stendere sulla spiaggia gli asciugamani senza l’uso protettivo di stuoie, onde evitare la dispersione di granelli di sabbia. Salatissime le multe previste per chi volesse portare a casa una boccetta o peggio ancora una bottiglia della splendida sabbia fine delle più famose località sarde. Il divieto comprende ovviamente la raccolta di conchiglie e sassi.

8) Giappone: vietato essere obesi

Dimentica i tradizionali lottatori di sumo dalla corporatura imponente. Dal 2008 in Giappone essere obesi è diventato illegale. Il governo nipponico ha infatti varato una legge per contrastare il sovrappeso e i rischi per la salute ad esso collegati. A far rispettare il decreto ci pensano i test obbligatori ai quali i cittadini vengono sottoposti. I parametri da rispettare sono molto precisi e riguardano il livello di grasso corporeo. Superato il livello massimo consentito, il trasgressore deve seguire un percorso con un dietologo. Le misure sono orientate all’abbattimento delle spese sanitarie pubbliche.

9) Svizzera: vietato tirare lo sciacquone dopo le 22

I motivi per cui è vietato tirare lo sciacquone del wc e fare pipì in piedi dopo le 22 sono entrambi legati ai rumori che potrebbero disturbare i vicini. Un divieto bizzarro, che a quanto pare costringe i nostri vicini d’oltralpe a trovare soluzioni alternative per venire incontro ad esigenze… impellenti.

BONUS: Stati Uniti

Una veloce panoramica dei divieti più bizzarri degli Stati Uniti d’America

  • in tutti gli Stati Uniti sono vietati i Kinder Sorpresa, più in generale è vietato introdurre oggetti non commestibili nel cibo (in questo caso nell’ovetto di cioccolato).
  • Wisconsin: vietato servire la tradizionale torta di mele senza il formaggio. Un accostamento sicuramente insolito, magari da provare.
  • Oregon: vietato fare esercizio fisico in macchina. Che in auto si debba prestare la massima attenzione l’abbiamo sostenuto anche noi pochi giorni fa (trovi qui l’articolo che ne parlava).
  • Kansas: vietato servire vino nelle tazze. In mancanza di bicchieri evidentemente ci si deve attrezzare diversamente!

Conoscevi questi strani divieti? Tu cosa vieteresti se ne avessi il potere? Diccelo nei commenti qui sotto.

Pubblicato in Curiosità il 02 ottobre 2019 alle 15:00

Commenti


Devi accedere per poter postare un commento.

PRIVACY POLICY E INFORMATIVA SULL’USO DEI COOKIE

Gentile Utente, 

i tuoi dati personali (nome/cognome, email) e qualsiasi altra informazione che potrai fornirci volontariamente via email e attraverso il form di contatto del sito https://www.sigmaconsulting.biz (“Sito”) saranno trattati per le finalità di seguito illustrate:

• evasione delle richieste di informazioni che ci hai inoltrato;

• svolgimento di studi e ricerche su base anonima inerenti alle visite e alla navigazione del Sito;

• invio di informazioni sulle nostre attività.  


I dati personali sono forniti su base volontaria e per il loro trattamento viene richiesto il tuo consenso. In caso di mancato conferimento del consenso non potremmo dare corso alle richieste inoltrate attraverso il form di contatto.


Il trattamento dei dati sarà effettuato in Italia da parte di nostri dipendenti, collaboratori e soggetti incaricati per attività di aggiornamento e manutenzione del Sito. I tuoi dati non saranno diffusi, né trasferiti verso Paesi extra UE. 


I dati saranno trattati per il periodo necessario ad evadere la richiesta e fino a tua revoca per quanto riguarda l’invio di informazioni sulla nostra attività. 


Relativamente ai dati personali, in ogni momento mediante semplice richiesta scritta indirizzata al Titolare, anche a mezzo email o tramite soggetto delegato, potrai (i) ottenere l'accesso ai dati personali per conoscere origine dei dati, finalità del trattamento, logica applicata al trattamento con uso di strumenti elettronici, categorie di dati, destinatari (o categorie di destinatari) ai quali gli stessi saranno comunicati, periodo di conservazione, e la loro comunicazione in una forma intellegibile; (ii) ottenere la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati o la limitazione del trattamento; (iii) opporti al trattamento dei tuoi dati personali; (iv) ottenere la portabilità dei dati, ove pertinente; (v) revocare il consenso in qualsiasi momento; (vi) proporre reclamo ad un'autorità di controllo.

Il sito fa utilizzo dei seguenti cookie:

Nome: october_session
Dominio: www.sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per la gestione degli accessi alle varie sezioni del sito

Nome: _gat_gtag_UA_98725341_1
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _gid
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 1 anno
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _ga
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 2 anni
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Come rimuovere i cookies da Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647
Come rimuovere i cookies da Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
Come rimuovere i cookies da Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Come rimuovere i cookies da Opera: https://help.opera.com/en/latest/web-preferences/#cookies

Titolare del trattamento:

Sigma  Consulting S.r.l.s., sede legale Pesaro (PU), Via del Cinema n. 5,  c.a.p. 61122; Tel.: 0721.415210, Fax: 0721.1622038, e-mail: info@sigmaconsulting.biz, P.E.C.: sigmaconsulting@gigapec.it;

Responsabile della Protezione dei Dati (DPO):

Avv. Silvia Dalle Nogare con domicilio in viale Riviera Berica 105, 36100 Vicenza, tel. 0444.541884, fax 0444.541883, e- mail: silvia.dallenogare@portule.com, P.E.C.: silvia.dallenogare@ordineavvocativicenza.it.