11 Regole di galateo dello smartphone: scommettiamo che ne hai infranta qualcuna?


Il galateo non è certo figlio dei nostri tempi, anzi sembra un concetto che più di altri è stato chiuso in un cassetto e lasciato tra le cose che non sono più di moda.

Il termine galateo è stato usato per la prima volta da Galeazzo Florimonte, vescovo della diocesi di Sessa Aurunca, che ha ispirato a monsignor Giovanni Della Casa il celebre Galateo overo de' costumi, pubblicato nel 1558. Da allora ci si riferisce con questa parola all’intero codice, spesso non scritto, di norme convenzionali di buona educazione.

Monsignor Della Casa, nonostante la vasta gamma di argomenti inclusi nel trattato, non ha potuto esprimersi su un oggetto che è diventato incredibilmente centrale nelle nostre esistenze: lo smartphone. Anche il telefono cellulare, infatti, ha scatenato il dibattito riguardo all’utilizzo che se ne fa e alle norme del bon ton che si dovrebbero osservare per non trasformarlo in un simbolo di cattiva educazione. Ne abbiamo raccolte undici.

1) Niente cellulare a tavola (e a letto)

I motivi per cui non si dovrebbe utilizzare lo smartphone a tavola sono molteplici. La buona educazione è sicuramente in testa: quante volte ti è capitato di vedere coppie o interi gruppi a cena al ristorante che scorrono con le dita sugli schermi dei telefoni invece di fare della sana conversazione? L’igiene è un altro ottimo motivo per lasciare lo smartphone in tasca o in borsa. Inoltre, per chi non è ancora convinto dell’importanza di escludere il cellulare dal tavolo di una cena, si può fare un veloce ripasso guardando il film Perfetti sconosciuti...

2) No al vivavoce!

vivavoce galateo smartphone.jpg

Alle persone che abbiamo intorno, di norma, non interessa moltissimo ciò che abbiamo da dire al telefono. Quindi, specialmente in spazi chiusi o affollati, non bisognerebbe mai utilizzare il vivavoce. Riserviamo questa comoda funzione ai momenti in cui siamo soli e soprattutto siamo sicuri di non infastidire nessuno intorno a noi. Occhio anche alla privacy nel corso delle conversazioni ad alta voce: è consigliato non fare riferimento esplicito a persone, situazioni, trattative di lavoro e dettagli personali.

3) Non guardare i video ad alto volume

Capita continuamente, ma questo non vuol dire che sia un comportamento accettato o da imitare. Spesso succede che la riproduzione dei video parta inavvertitamente mentre scrolliamo il feed dei social: un motivo in più per accertarci che il volume dei contenuti multimediali sia impostato al livello meno fastidioso possibile. Attenzione anche alla musica ascoltata ad un volume assordante con gli auricolari: non sono acusticamente isolanti come sembrano!

4) Gli smartphone non sono babysitter (beccati!)

Lo sappiamo: i bambini sono una fonte inesauribile di energia, a differenza dei loro genitori che purtroppo devono sostenere dei ritmi non sempre rilassanti. Questo, però, non significa che gli smartphone debbano diventare gli usuali babysitter dei nostri figli. Ammette di usare il cellulare per “far stare buoni” i propri figli addirittura il 60% delle coppie con figli sotto i due anni. Positivo il dato per cui la maggior parte di loro li utilizza insieme al bambino e per riprodurre contenuti educativi, meno positiva l’abitudine di lasciare i piccoli da soli con dispositivi che l’Accademia americana di pediatria sconsiglia (per non dire vieta!) ai bambini sotto i 18 mesi.

5) Non diventare smartphone zombie

Il concetto di smartphone zombie viene dall’Inghilterra ed è entrato nella cultura popolare perché la società si è riempita di persone che camminano, mangiano, bevono, viaggiano e praticamente vivono con gli occhi incollati allo schermo del proprio smartphone. Testa bassa, spalle curve, sguardo spento: sono le caratteristiche delle persone che hanno smesso di guardare la realtà che le circonda per vederla filtrata dal display di un telefono cellulare. Non diventare uno di loro.

6) Niente smartphone alla guida (qui non si sgarra!)

Qui il galateo c’entra davvero poco: è l’attenzione alla sicurezza nostra e degli altri che dovrebbe distoglierci dall’insano proposito di sbirciare lo smartphone mentre si è alla guida. Peggio: di scattare fotografie, girare video, inviare messaggi, registrare dirette da trasmettere sui social. Troppe volte abbiamo letto sui giornali il triste epilogo che queste azioni apparentemente innocue possono avere.

L’influencer Camilla Boniardi, nota come Camihawke, ha sposato la causa lanciando l’hashtag #noigstorieswhiledriving, niente storie Instagram mentre si guida.

camihawke storie alla guida.png

7) Non scorrere gli album del prossimo tuo

Questa regola non necessita di molte spiegazioni: quando una persona decide di mostrarti una fotografia che ritiene interessante o curiosa, sta decidendo di mostrarti quella foto, non tutto l’archivio dei suoi dati personali. Sii discreto.

8) Basta immortalare tutto (e tutti!)

La voglia di condividere le immagini di caffé, viaggi, pranzi e feste ha contagiato la stragrande maggioranza delle persone. Ma non tutte. Incredibile ma vero, ci sono ancora persone che desiderano mantenere una certa riservatezza sulle proprie attività e frequentazioni. Per rispettarle bisognerebbe quindi evitare di immortalare a tutti i costi qualsiasi cosa passi nel nostro campo visivo, specialmente se in quel campo rientra qualcuno che non desidera vedere la propria immagine pubblicata su svariati social network.

9) Non essere insistente

Quando telefoniamo ad una persona che è impossibilitata a rispondere, cerchiamo di rispettare le sue esigenze evitando di tempestarla di chiamate. Tranne nei casi di emergenza, trovare una sfilza di telefonate sul proprio dispositivo crea un senso di allarme e anche di fastidio. Mettiamoci anche nei panni dell’altro, che potrebbe essere in un luogo pubblico e quindi messo in imbarazzo dall’insistenza dei nostri squilli.

10) In ufficio… sound off!

Un cellulare che squilla durante una riunione di lavoro è come un faro puntato sul trasgressore di questa buona norma, che rischia di passare per una persona poco seria o quantomeno poco attenta e rispettosa. Ricorda di passare sempre alla modalità silenziosa soprattutto se lavori in un open space, dove la suoneria del telefono può essere fonte di distrazione e di fastidio. Un’altra buona abitudine sarebbe di effettuare le telefonate personali in un’altra stanza o all’esterno dell’ufficio, evitando così di disturbare i colleghi con un tono di voce inadeguato o con argomenti di scarso interesse.

11) No alle suonerie strane

Il 98% delle persone intervistate si è detto infastidito dalle suonerie considerate strane o “divertenti”. Canzoni di tendenza riprodotte per intero, suoni della natura (o di animali!), schiamazzi, clacson e trombette sono quindi sconsigliati se si vuole apparire come persone educate e bon ton. Il classico trillo, invece, è sempre visto di buon occhio. Tranne nel bel mezzo di un concerto di musica classica, s’intende.

A tutti capita di sgarrare e non rispettare qualcuna di queste regole, nessuno è perfetto e se capita non è certo una tragedia. E tu quante ne hai infrante? Scrivicelo nei commenti, non lo diremo a nessuno!

Pubblicato in Lifestyle il 25 settembre 2019 alle 15:00

Commenti


Devi accedere per poter postare un commento.

PRIVACY POLICY E INFORMATIVA SULL’USO DEI COOKIE

Gentile Utente, 

i tuoi dati personali (nome/cognome, email) e qualsiasi altra informazione che potrai fornirci volontariamente via email e attraverso il form di contatto del sito https://www.sigmaconsulting.biz (“Sito”) saranno trattati per le finalità di seguito illustrate:

• evasione delle richieste di informazioni che ci hai inoltrato;

• svolgimento di studi e ricerche su base anonima inerenti alle visite e alla navigazione del Sito;

• invio di informazioni sulle nostre attività.  


I dati personali sono forniti su base volontaria e per il loro trattamento viene richiesto il tuo consenso. In caso di mancato conferimento del consenso non potremmo dare corso alle richieste inoltrate attraverso il form di contatto.


Il trattamento dei dati sarà effettuato in Italia da parte di nostri dipendenti, collaboratori e soggetti incaricati per attività di aggiornamento e manutenzione del Sito. I tuoi dati non saranno diffusi, né trasferiti verso Paesi extra UE. 


I dati saranno trattati per il periodo necessario ad evadere la richiesta e fino a tua revoca per quanto riguarda l’invio di informazioni sulla nostra attività. 


Relativamente ai dati personali, in ogni momento mediante semplice richiesta scritta indirizzata al Titolare, anche a mezzo email o tramite soggetto delegato, potrai (i) ottenere l'accesso ai dati personali per conoscere origine dei dati, finalità del trattamento, logica applicata al trattamento con uso di strumenti elettronici, categorie di dati, destinatari (o categorie di destinatari) ai quali gli stessi saranno comunicati, periodo di conservazione, e la loro comunicazione in una forma intellegibile; (ii) ottenere la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati o la limitazione del trattamento; (iii) opporti al trattamento dei tuoi dati personali; (iv) ottenere la portabilità dei dati, ove pertinente; (v) revocare il consenso in qualsiasi momento; (vi) proporre reclamo ad un'autorità di controllo.

Il sito fa utilizzo dei seguenti cookie:

Nome: october_session
Dominio: www.sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per la gestione degli accessi alle varie sezioni del sito

Nome: _gat_gtag_UA_98725341_1
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _gid
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 1 anno
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _ga
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 2 anni
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Come rimuovere i cookies da Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647
Come rimuovere i cookies da Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
Come rimuovere i cookies da Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Come rimuovere i cookies da Opera: https://help.opera.com/en/latest/web-preferences/#cookies

Titolare del trattamento:

Sigma  Consulting S.r.l.s., sede legale Pesaro (PU), Via del Cinema n. 5,  c.a.p. 61122; Tel.: 0721.415210, Fax: 0721.1622038, e-mail: info@sigmaconsulting.biz, P.E.C.: sigmaconsulting@gigapec.it;

Responsabile della Protezione dei Dati (DPO):

Avv. Silvia Dalle Nogare con domicilio in viale Riviera Berica 105, 36100 Vicenza, tel. 0444.541884, fax 0444.541883, e- mail: silvia.dallenogare@portule.com, P.E.C.: silvia.dallenogare@ordineavvocativicenza.it.