Gli italiani, la spesa e il biologico


Ciao! La Community di Sigma Consulting vorrebbe conoscere la tua opinione.

Leggi questo breve articolo e dicci cosa ne pensi, se ti ritrovi nei dati riportati o se la pensi diversamente. 👇

Recenti sondaggi hanno fatto emergere che 6 italiani su 10 privilegiano, nella loro spesa alimentare, prodotti biologici. La quasi totalità degli intervistati è abbastanza sicura di sapere cosa sia un cibo biologico e come riconoscerlo. Purtroppo le aspettative di molti consumatori rischiano, in alcuni casi, di essere deluse. L’Ispettorato centrale per la repressione delle frodi e la procura di Pisa hanno infatti smascherato, recentemente, ben 1.441 tonnellate di succhi, confetture e conserve alimentari che venivano venduti come biologici ma che non lo erano. Il numero di truffe in questo senso è addirittura quintuplicato dal 2017 al 2018, con 88 casi documentati contro i 19 dell’anno precedente.

Cosa pensi della tendenza in crescita in Italia di acquistare cibi biologici? Tu li acquisti? Sapresti riconoscere le certificazioni per evitare truffe? Dicci la tua nei commenti.

Pubblicato in Ricerca il 13 novembre 2019 alle 11:00

Commenti

Avatar utente Silvia - 13 novembre 2019 11:03
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità di provare questi prodotti perchè promettono di essere più sani, più genuini. Ma nei fatti mi sembrano essere la stessa copia di ciò che compriamo, solo con prezzi molto più alti e lievitati, ed inoltre non si è sicuri nemmeno che la provenienza sia di agricoltura biologica o meno.
Anche io, spinta dalla moda del momento e per cercare di mangiare più salubremente, ho acquistato prodotti biologici, ma nei fatti non li gradisco, i trovo senza sapore


Avatar utente Carlo - 13 novembre 2019 11:37
In risposta a Oriana - 2019-11-13 10:04:04
Mi fido delle etichette, non ho altri elementi per...
Concordo con l'opinione che non si hanno altri mezzi se non l'etichettatura dei prodotti e quindi se si vuole acquistare dei prodotti biologici nei punti vendita, ci si deve per forza fidare delle etichette. Io da un pò di tempo i prodotti ortofrutticoli li acquisto da produttori che conosco e quindi ho la certezza che sia realmente biologico, l'unica alternativa che ho sono le bancarelle con l'insegna della coldiretti. Certo è che anche nelle etichettature trovate nei punti vendita, la truffa è sempre dietro l'angolo e sempre più difficile da individuare ma di qualcosa ci dovremo pur fidare o no?????


Avatar utente Alessandra - 13 novembre 2019 13:33
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io penso che sia una questione sicuramente spinosa, pero' credo sia necessario ogni tanto mettere da parte lo scetticismo..Sicuramente io penso sempre quando compro cibi biologici che siano veramente credibili, in base alla marca del prodotto questo fa si che io abbia un po' piu' fiducia, perche''secondo me non ci sono paragoni tra il biologico e il normale Io cerco. sempre di comprare il prodotto biologico con fiducia, oppure trovare chi coltiva e vende personalmente il prodotto, ma questo non lo puoi fare per tutto, si sta' un po in fiducia, certo fa si che ogni volta che si sentono casi di falsificazione alimentare mi deprimo molto, per me tra un prodotto biologico e no , la differenza che c'e' e ' come un mobile fatto a ma no da un falegname e uno prodotto in fabbrica.DIETRO UN PRODOTTO BIOLOGICO C'E' TRADIZIONE AMORE E CURA DEL SINGOLO PRODOTTO, a noi serve solo fidarsi e cercare di non essere truffati


Avatar utente Lucia - 13 novembre 2019 16:05
In risposta a Rosita - 2019-11-13 10:07:15
Non avevo dubbi che ci fossero delle truffe sui pr...
Non acquisto prodotti bio, perchè oltre ad essere costosi, non si ha la certezza di quel che si sta acquistando. Normalmente sono una persona che si fida delle etichette ma ultimamente non è più così. Preferisco riporre la mia fiducia nel contadino dietro casa.


Avatar utente Antonella - 13 novembre 2019 16:10
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Le ricerche e lo sviluppo dell’agricoltura hanno rilanciato i prodotti alimentari “biologici” in concomitanza con una mentalità vegetariana e vegana che si è fatta sempre più strada e che va a braccetto con questi ultimi. Visto il sistema di produzione/distribuzione/vendita è davvero difficile essere certi della trasparenza relativa all’etichetta, alcuni peró, forti di una cultura ferrata in certi argomenti o al contrario per ignoranza, sono convinti di quello che comprano anche in base al prezzo.


Avatar utente Alberto - 13 novembre 2019 16:20
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Sono abbastanza scettico riguardo i prodotti bio, non mi convincono i metodi di allevamento/coltivazione e non mi sembrano trasparenti le informazioni.
Non conosco bene le normative ma parlano con degli operatori mi è sembrato di capire che l'attribuzione "bio" sia più una cosa burocratica che altro. Quindi scelgo bio o "normale" quando mica capita.


Avatar utente Maria - 13 novembre 2019 19:01
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io qualche volta acquisto il biologico ma solo se in offerta perché i prezzi sono troppo elevati e poi ho visto che tanti prodotti in realtà non lo sono realmente,ma spesso vivendo in un piccolo paese compro a km 0 da contadini in zona.


Avatar utente Daniela - 13 novembre 2019 19:43
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
non acquisto prodotto biologici, troppo cari


Avatar utente Paolo - 13 novembre 2019 23:51
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Ritengo che in questo momento storico la gente sia molto più attenta a quello che mangia, si informa di più e dimostra sicuramente anche più attenione conseguentemente per la propria salute.Personalmente è oramai qualche anno che acquisto occasionalemente pasta biologica (buitoni) e alcuni formaggi freschi , ritenendo o sperando che siano prodotti in maniera più genuina e con un utilizzo pressochè minimo di sostanze o di elementi pericolosi per la nostra salute.
In line a diprincipio mi fido molto delle etichette, partendo dal presupposto che i controlli sulla filiera ci sono e non vengono condotti così a casaccio anche se in tutta onestà devo dire che in linea di massima non sarei in grado di riconoscere al 100% una certificazione fasulla, non avendo sufficiente esperienza


Avatar utente Maria - 14 novembre 2019 12:52
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Molti cibi biologici nn mi piacciono! Tendo a prendere magari un'azienda che so che produce buon prodotto, piuttosto che il bio! Sono troppo cari e spesso nn mi fido! Saranno veramente bio? E poi secondi me bisogna segnalare pubblicamente quali sono le aziende che truffano nel mondo Bio. la gente deve sapere


Avatar utente Loris - 14 novembre 2019 16:23
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io acquisto solo alcuni prodotto bio tipo le meredine che trovo molto buone, sono fatte da un azienda della mia zona di cui mi fido, trovo che siano più saporite avendo meno zuccheri al loro interno e usando quello di canna. E' vero sono più cari rispetto a prodotti tradizionali ma io preferisco mangiare di meno e possibilmente più sano.
Molti non ci pensano ma evitando certe spese inutili forse è meglio spendere più soldi per il cibo che per altro.


Avatar utente Luisa - 14 novembre 2019 21:00
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io credo che negli ultimi anni i consumatori italiani siano diventati molto più attenti e consapevoli. Non sempre però la scritta Bio è sinonimo di provenienza da agricoltura biologica. Dovrebbero esserci maggiori controlli. Personalmente sto attenta ad acquistare prodotti da filiere corte, verdura e frutta di stagione e leggo con attenzione le etichette e la provenienza.


Avatar utente Francesca - 17 novembre 2019 20:00
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io mi fido solo di acquistare da contadini che conosco e che so che non usano prodotti chimici per la coltivazione. Vado da loro sia in cascina che al banco al mercato. Purtroppo per ciò che di acquista nei negozi o supermercati bisogna fidarsi dell'etichetta, non farsi ingannare dai simboli che non sono quelli ufficiali. Anche i ristoranti che cucinano con materie prime biologiche, credo che non siano affidabili, chi ci dice che realmente utilizzino prodotti biologici?


Avatar utente Silvana - 13 novembre 2019 11:04
li compro quando sono in offerta, non conosco le certificazioni, ma il vero problema è che sono molto costosi , mentre il cibo spazzatura costa pochissimo


Avatar utente Carlo - 13 novembre 2019 11:37
In risposta a Oriana - 2019-11-13 10:04:04
Mi fido delle etichette, non ho altri elementi per...
Concordo con l'opinione che non si hanno altri mezzi se non l'etichettatura dei prodotti e quindi se si vuole acquistare dei prodotti biologici nei punti vendita, ci si deve per forza fidare delle etichette. Io da un pò di tempo i prodotti ortofrutticoli li acquisto da produttori che conosco e quindi ho la certezza che sia realmente biologico, l'unica alternativa che ho sono le bancarelle con l'insegna della coldiretti. Certo è che anche nelle etichettature trovate nei punti vendita, la truffa è sempre dietro l'angolo e sempre più difficile da individuare ma di qualcosa ci dovremo pur fidare o no?????


Avatar utente Alessandra - 13 novembre 2019 13:33
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io penso che sia una questione sicuramente spinosa, pero' credo sia necessario ogni tanto mettere da parte lo scetticismo..Sicuramente io penso sempre quando compro cibi biologici che siano veramente credibili, in base alla marca del prodotto questo fa si che io abbia un po' piu' fiducia, perche''secondo me non ci sono paragoni tra il biologico e il normale Io cerco. sempre di comprare il prodotto biologico con fiducia, oppure trovare chi coltiva e vende personalmente il prodotto, ma questo non lo puoi fare per tutto, si sta' un po in fiducia, certo fa si che ogni volta che si sentono casi di falsificazione alimentare mi deprimo molto, per me tra un prodotto biologico e no , la differenza che c'e' e ' come un mobile fatto a ma no da un falegname e uno prodotto in fabbrica.DIETRO UN PRODOTTO BIOLOGICO C'E' TRADIZIONE AMORE E CURA DEL SINGOLO PRODOTTO, a noi serve solo fidarsi e cercare di non essere truffati


Avatar utente Lucia - 13 novembre 2019 16:05
In risposta a Rosita - 2019-11-13 10:07:15
Non avevo dubbi che ci fossero delle truffe sui pr...
Non acquisto prodotti bio, perchè oltre ad essere costosi, non si ha la certezza di quel che si sta acquistando. Normalmente sono una persona che si fida delle etichette ma ultimamente non è più così. Preferisco riporre la mia fiducia nel contadino dietro casa.


Avatar utente Antonella - 13 novembre 2019 16:10
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Le ricerche e lo sviluppo dell’agricoltura hanno rilanciato i prodotti alimentari “biologici” in concomitanza con una mentalità vegetariana e vegana che si è fatta sempre più strada e che va a braccetto con questi ultimi. Visto il sistema di produzione/distribuzione/vendita è davvero difficile essere certi della trasparenza relativa all’etichetta, alcuni peró, forti di una cultura ferrata in certi argomenti o al contrario per ignoranza, sono convinti di quello che comprano anche in base al prezzo.


Avatar utente Alberto - 13 novembre 2019 16:20
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Sono abbastanza scettico riguardo i prodotti bio, non mi convincono i metodi di allevamento/coltivazione e non mi sembrano trasparenti le informazioni.
Non conosco bene le normative ma parlano con degli operatori mi è sembrato di capire che l'attribuzione "bio" sia più una cosa burocratica che altro. Quindi scelgo bio o "normale" quando mica capita.


Avatar utente Maria - 13 novembre 2019 19:01
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io qualche volta acquisto il biologico ma solo se in offerta perché i prezzi sono troppo elevati e poi ho visto che tanti prodotti in realtà non lo sono realmente,ma spesso vivendo in un piccolo paese compro a km 0 da contadini in zona.


Avatar utente Daniela - 13 novembre 2019 19:43
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
non acquisto prodotto biologici, troppo cari


Avatar utente Paolo - 13 novembre 2019 23:51
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Ritengo che in questo momento storico la gente sia molto più attenta a quello che mangia, si informa di più e dimostra sicuramente anche più attenione conseguentemente per la propria salute.Personalmente è oramai qualche anno che acquisto occasionalemente pasta biologica (buitoni) e alcuni formaggi freschi , ritenendo o sperando che siano prodotti in maniera più genuina e con un utilizzo pressochè minimo di sostanze o di elementi pericolosi per la nostra salute.
In line a diprincipio mi fido molto delle etichette, partendo dal presupposto che i controlli sulla filiera ci sono e non vengono condotti così a casaccio anche se in tutta onestà devo dire che in linea di massima non sarei in grado di riconoscere al 100% una certificazione fasulla, non avendo sufficiente esperienza


Avatar utente Maria - 14 novembre 2019 12:52
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Molti cibi biologici nn mi piacciono! Tendo a prendere magari un'azienda che so che produce buon prodotto, piuttosto che il bio! Sono troppo cari e spesso nn mi fido! Saranno veramente bio? E poi secondi me bisogna segnalare pubblicamente quali sono le aziende che truffano nel mondo Bio. la gente deve sapere


Avatar utente Loris - 14 novembre 2019 16:23
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io acquisto solo alcuni prodotto bio tipo le meredine che trovo molto buone, sono fatte da un azienda della mia zona di cui mi fido, trovo che siano più saporite avendo meno zuccheri al loro interno e usando quello di canna. E' vero sono più cari rispetto a prodotti tradizionali ma io preferisco mangiare di meno e possibilmente più sano.
Molti non ci pensano ma evitando certe spese inutili forse è meglio spendere più soldi per il cibo che per altro.


Avatar utente Luisa - 14 novembre 2019 21:00
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io credo che negli ultimi anni i consumatori italiani siano diventati molto più attenti e consapevoli. Non sempre però la scritta Bio è sinonimo di provenienza da agricoltura biologica. Dovrebbero esserci maggiori controlli. Personalmente sto attenta ad acquistare prodotti da filiere corte, verdura e frutta di stagione e leggo con attenzione le etichette e la provenienza.


Avatar utente Francesca - 17 novembre 2019 20:00
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io mi fido solo di acquistare da contadini che conosco e che so che non usano prodotti chimici per la coltivazione. Vado da loro sia in cascina che al banco al mercato. Purtroppo per ciò che di acquista nei negozi o supermercati bisogna fidarsi dell'etichetta, non farsi ingannare dai simboli che non sono quelli ufficiali. Anche i ristoranti che cucinano con materie prime biologiche, credo che non siano affidabili, chi ci dice che realmente utilizzino prodotti biologici?


Avatar utente Oriana - 13 novembre 2019 11:04
Mi fido delle etichette, non ho altri elementi per capire se un prodotto industriale è biologico o no.
Nel caso di acquisto diretto dal produttore, tutto sta nella fiducia che c'è con la persona.
Mi capita di acquistare prodotti sia biologici sia non, non sono una fanatica.


Avatar utente Carlo - 13 novembre 2019 11:37
In risposta a Oriana - 2019-11-13 10:04:04
Mi fido delle etichette, non ho altri elementi per...
Concordo con l'opinione che non si hanno altri mezzi se non l'etichettatura dei prodotti e quindi se si vuole acquistare dei prodotti biologici nei punti vendita, ci si deve per forza fidare delle etichette. Io da un pò di tempo i prodotti ortofrutticoli li acquisto da produttori che conosco e quindi ho la certezza che sia realmente biologico, l'unica alternativa che ho sono le bancarelle con l'insegna della coldiretti. Certo è che anche nelle etichettature trovate nei punti vendita, la truffa è sempre dietro l'angolo e sempre più difficile da individuare ma di qualcosa ci dovremo pur fidare o no?????


Avatar utente Alessandra - 13 novembre 2019 13:33
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io penso che sia una questione sicuramente spinosa, pero' credo sia necessario ogni tanto mettere da parte lo scetticismo..Sicuramente io penso sempre quando compro cibi biologici che siano veramente credibili, in base alla marca del prodotto questo fa si che io abbia un po' piu' fiducia, perche''secondo me non ci sono paragoni tra il biologico e il normale Io cerco. sempre di comprare il prodotto biologico con fiducia, oppure trovare chi coltiva e vende personalmente il prodotto, ma questo non lo puoi fare per tutto, si sta' un po in fiducia, certo fa si che ogni volta che si sentono casi di falsificazione alimentare mi deprimo molto, per me tra un prodotto biologico e no , la differenza che c'e' e ' come un mobile fatto a ma no da un falegname e uno prodotto in fabbrica.DIETRO UN PRODOTTO BIOLOGICO C'E' TRADIZIONE AMORE E CURA DEL SINGOLO PRODOTTO, a noi serve solo fidarsi e cercare di non essere truffati


Avatar utente Lucia - 13 novembre 2019 16:05
In risposta a Rosita - 2019-11-13 10:07:15
Non avevo dubbi che ci fossero delle truffe sui pr...
Non acquisto prodotti bio, perchè oltre ad essere costosi, non si ha la certezza di quel che si sta acquistando. Normalmente sono una persona che si fida delle etichette ma ultimamente non è più così. Preferisco riporre la mia fiducia nel contadino dietro casa.


Avatar utente Antonella - 13 novembre 2019 16:10
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Le ricerche e lo sviluppo dell’agricoltura hanno rilanciato i prodotti alimentari “biologici” in concomitanza con una mentalità vegetariana e vegana che si è fatta sempre più strada e che va a braccetto con questi ultimi. Visto il sistema di produzione/distribuzione/vendita è davvero difficile essere certi della trasparenza relativa all’etichetta, alcuni peró, forti di una cultura ferrata in certi argomenti o al contrario per ignoranza, sono convinti di quello che comprano anche in base al prezzo.


Avatar utente Alberto - 13 novembre 2019 16:20
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Sono abbastanza scettico riguardo i prodotti bio, non mi convincono i metodi di allevamento/coltivazione e non mi sembrano trasparenti le informazioni.
Non conosco bene le normative ma parlano con degli operatori mi è sembrato di capire che l'attribuzione "bio" sia più una cosa burocratica che altro. Quindi scelgo bio o "normale" quando mica capita.


Avatar utente Maria - 13 novembre 2019 19:01
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io qualche volta acquisto il biologico ma solo se in offerta perché i prezzi sono troppo elevati e poi ho visto che tanti prodotti in realtà non lo sono realmente,ma spesso vivendo in un piccolo paese compro a km 0 da contadini in zona.


Avatar utente Daniela - 13 novembre 2019 19:43
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
non acquisto prodotto biologici, troppo cari


Avatar utente Paolo - 13 novembre 2019 23:51
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Ritengo che in questo momento storico la gente sia molto più attenta a quello che mangia, si informa di più e dimostra sicuramente anche più attenione conseguentemente per la propria salute.Personalmente è oramai qualche anno che acquisto occasionalemente pasta biologica (buitoni) e alcuni formaggi freschi , ritenendo o sperando che siano prodotti in maniera più genuina e con un utilizzo pressochè minimo di sostanze o di elementi pericolosi per la nostra salute.
In line a diprincipio mi fido molto delle etichette, partendo dal presupposto che i controlli sulla filiera ci sono e non vengono condotti così a casaccio anche se in tutta onestà devo dire che in linea di massima non sarei in grado di riconoscere al 100% una certificazione fasulla, non avendo sufficiente esperienza


Avatar utente Maria - 14 novembre 2019 12:52
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Molti cibi biologici nn mi piacciono! Tendo a prendere magari un'azienda che so che produce buon prodotto, piuttosto che il bio! Sono troppo cari e spesso nn mi fido! Saranno veramente bio? E poi secondi me bisogna segnalare pubblicamente quali sono le aziende che truffano nel mondo Bio. la gente deve sapere


Avatar utente Loris - 14 novembre 2019 16:23
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io acquisto solo alcuni prodotto bio tipo le meredine che trovo molto buone, sono fatte da un azienda della mia zona di cui mi fido, trovo che siano più saporite avendo meno zuccheri al loro interno e usando quello di canna. E' vero sono più cari rispetto a prodotti tradizionali ma io preferisco mangiare di meno e possibilmente più sano.
Molti non ci pensano ma evitando certe spese inutili forse è meglio spendere più soldi per il cibo che per altro.


Avatar utente Luisa - 14 novembre 2019 21:00
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io credo che negli ultimi anni i consumatori italiani siano diventati molto più attenti e consapevoli. Non sempre però la scritta Bio è sinonimo di provenienza da agricoltura biologica. Dovrebbero esserci maggiori controlli. Personalmente sto attenta ad acquistare prodotti da filiere corte, verdura e frutta di stagione e leggo con attenzione le etichette e la provenienza.


Avatar utente Francesca - 17 novembre 2019 20:00
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io mi fido solo di acquistare da contadini che conosco e che so che non usano prodotti chimici per la coltivazione. Vado da loro sia in cascina che al banco al mercato. Purtroppo per ciò che di acquista nei negozi o supermercati bisogna fidarsi dell'etichetta, non farsi ingannare dai simboli che non sono quelli ufficiali. Anche i ristoranti che cucinano con materie prime biologiche, credo che non siano affidabili, chi ci dice che realmente utilizzino prodotti biologici?


Avatar utente Arianna - 13 novembre 2019 11:07
Acquisto cibo biologico nella speranza che sia più genuino e quindi più salutare. Però, allo stesso tempo, non credo che basti una semplice autocertificazione per garantire sulla "naturalità" del prodotto.


Avatar utente Rosita - 13 novembre 2019 11:07
Non avevo dubbi che ci fossero delle truffe sui prodotti biologici, io più che acquistare prodotti certificati biologici(anche perchè non saprei riconoscerli con certezza)acquisto prodotti direttamente dal produttore e al mercatino rionale dove vengono venduti prodotti coltivati da piccoli colòtivatori, anche in questo caso sono certa che non sono completamente biologici perchè tutti usano fertilizzanti e concimi ,mi auguro che facciano un uso minore di chi si dedica a colture intensive destinate al grande commercio


Avatar utente Carlo - 13 novembre 2019 11:37
In risposta a Oriana - 2019-11-13 10:04:04
Mi fido delle etichette, non ho altri elementi per...
Concordo con l'opinione che non si hanno altri mezzi se non l'etichettatura dei prodotti e quindi se si vuole acquistare dei prodotti biologici nei punti vendita, ci si deve per forza fidare delle etichette. Io da un pò di tempo i prodotti ortofrutticoli li acquisto da produttori che conosco e quindi ho la certezza che sia realmente biologico, l'unica alternativa che ho sono le bancarelle con l'insegna della coldiretti. Certo è che anche nelle etichettature trovate nei punti vendita, la truffa è sempre dietro l'angolo e sempre più difficile da individuare ma di qualcosa ci dovremo pur fidare o no?????


Avatar utente Alessandra - 13 novembre 2019 13:33
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io penso che sia una questione sicuramente spinosa, pero' credo sia necessario ogni tanto mettere da parte lo scetticismo..Sicuramente io penso sempre quando compro cibi biologici che siano veramente credibili, in base alla marca del prodotto questo fa si che io abbia un po' piu' fiducia, perche''secondo me non ci sono paragoni tra il biologico e il normale Io cerco. sempre di comprare il prodotto biologico con fiducia, oppure trovare chi coltiva e vende personalmente il prodotto, ma questo non lo puoi fare per tutto, si sta' un po in fiducia, certo fa si che ogni volta che si sentono casi di falsificazione alimentare mi deprimo molto, per me tra un prodotto biologico e no , la differenza che c'e' e ' come un mobile fatto a ma no da un falegname e uno prodotto in fabbrica.DIETRO UN PRODOTTO BIOLOGICO C'E' TRADIZIONE AMORE E CURA DEL SINGOLO PRODOTTO, a noi serve solo fidarsi e cercare di non essere truffati


Avatar utente Lucia - 13 novembre 2019 16:05
In risposta a Rosita - 2019-11-13 10:07:15
Non avevo dubbi che ci fossero delle truffe sui pr...
Non acquisto prodotti bio, perchè oltre ad essere costosi, non si ha la certezza di quel che si sta acquistando. Normalmente sono una persona che si fida delle etichette ma ultimamente non è più così. Preferisco riporre la mia fiducia nel contadino dietro casa.


Avatar utente Antonella - 13 novembre 2019 16:10
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Le ricerche e lo sviluppo dell’agricoltura hanno rilanciato i prodotti alimentari “biologici” in concomitanza con una mentalità vegetariana e vegana che si è fatta sempre più strada e che va a braccetto con questi ultimi. Visto il sistema di produzione/distribuzione/vendita è davvero difficile essere certi della trasparenza relativa all’etichetta, alcuni peró, forti di una cultura ferrata in certi argomenti o al contrario per ignoranza, sono convinti di quello che comprano anche in base al prezzo.


Avatar utente Alberto - 13 novembre 2019 16:20
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Sono abbastanza scettico riguardo i prodotti bio, non mi convincono i metodi di allevamento/coltivazione e non mi sembrano trasparenti le informazioni.
Non conosco bene le normative ma parlano con degli operatori mi è sembrato di capire che l'attribuzione "bio" sia più una cosa burocratica che altro. Quindi scelgo bio o "normale" quando mica capita.


Avatar utente Maria - 13 novembre 2019 19:01
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io qualche volta acquisto il biologico ma solo se in offerta perché i prezzi sono troppo elevati e poi ho visto che tanti prodotti in realtà non lo sono realmente,ma spesso vivendo in un piccolo paese compro a km 0 da contadini in zona.


Avatar utente Daniela - 13 novembre 2019 19:43
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
non acquisto prodotto biologici, troppo cari


Avatar utente Paolo - 13 novembre 2019 23:51
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Ritengo che in questo momento storico la gente sia molto più attenta a quello che mangia, si informa di più e dimostra sicuramente anche più attenione conseguentemente per la propria salute.Personalmente è oramai qualche anno che acquisto occasionalemente pasta biologica (buitoni) e alcuni formaggi freschi , ritenendo o sperando che siano prodotti in maniera più genuina e con un utilizzo pressochè minimo di sostanze o di elementi pericolosi per la nostra salute.
In line a diprincipio mi fido molto delle etichette, partendo dal presupposto che i controlli sulla filiera ci sono e non vengono condotti così a casaccio anche se in tutta onestà devo dire che in linea di massima non sarei in grado di riconoscere al 100% una certificazione fasulla, non avendo sufficiente esperienza


Avatar utente Maria - 14 novembre 2019 12:52
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Molti cibi biologici nn mi piacciono! Tendo a prendere magari un'azienda che so che produce buon prodotto, piuttosto che il bio! Sono troppo cari e spesso nn mi fido! Saranno veramente bio? E poi secondi me bisogna segnalare pubblicamente quali sono le aziende che truffano nel mondo Bio. la gente deve sapere


Avatar utente Loris - 14 novembre 2019 16:23
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io acquisto solo alcuni prodotto bio tipo le meredine che trovo molto buone, sono fatte da un azienda della mia zona di cui mi fido, trovo che siano più saporite avendo meno zuccheri al loro interno e usando quello di canna. E' vero sono più cari rispetto a prodotti tradizionali ma io preferisco mangiare di meno e possibilmente più sano.
Molti non ci pensano ma evitando certe spese inutili forse è meglio spendere più soldi per il cibo che per altro.


Avatar utente Luisa - 14 novembre 2019 21:00
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io credo che negli ultimi anni i consumatori italiani siano diventati molto più attenti e consapevoli. Non sempre però la scritta Bio è sinonimo di provenienza da agricoltura biologica. Dovrebbero esserci maggiori controlli. Personalmente sto attenta ad acquistare prodotti da filiere corte, verdura e frutta di stagione e leggo con attenzione le etichette e la provenienza.


Avatar utente Francesca - 17 novembre 2019 20:00
In risposta a Silvia - 2019-11-13 10:03:28
io credo che la gente sia spinta dalla curiosità d...
Io mi fido solo di acquistare da contadini che conosco e che so che non usano prodotti chimici per la coltivazione. Vado da loro sia in cascina che al banco al mercato. Purtroppo per ciò che di acquista nei negozi o supermercati bisogna fidarsi dell'etichetta, non farsi ingannare dai simboli che non sono quelli ufficiali. Anche i ristoranti che cucinano con materie prime biologiche, credo che non siano affidabili, chi ci dice che realmente utilizzino prodotti biologici?


Avatar utente Rosario - 13 novembre 2019 11:07
Non acquisto prodotti biologici perché sono troppo cari e non si ha mai la cerezza assoluta che siano realmente ecologici e che facciano bene alla nostra salute. Le certificazioni, a mio avviso, lasciano il tempo che trovano e il vero cibo biologico, per chi ha la fortuna di aver eun piccolo pezzo di terra da coltivare, se lo produce da solo, senza sali e concimi chimici.


Avatar utente Annalisa - 13 novembre 2019 11:10
Acquisto biologico soltanto quando trovo l'offerta..al momento hanno prezzi più alti di altri prodotti/marchi. Bisogna fidarsi di ciò che c'è scritto sulle etichette.
È vero che mangiare sano e biologico è molto importante, però quando si fa la spesa si guarda anche il portafoglio, e se costano comunque tanto non li compro .


Avatar utente Silvia - 13 novembre 2019 11:11
io so esattamente cosa e' il biologico ed e' cibo senza concimi chimici e con etichetta registrata biologico certificato purtroppo si sa le truffe sono all'ordine del giorno e per questo e' necessario fare controlli stretti su come vengono prodotti gli alimenti anche in tutta la filiera ma di certo non si deve rinunciare per paura al cibo biologico solo perche' ci sono dei truffatori che non producono veramente biologico..sarebbe sbagliato e controproducente


Avatar utente Mirko - 13 novembre 2019 11:11
Cerco di acquistare prodotti sani da negozi di fiducia, anche pagando qualcosina in più, è difficile oggi avere una certezza che un prodotto sia al 100% bio, perché la richiesta è molto alta. Io preferisco coltivare i miei frutti a sapere quello che mangio.


Avatar utente Elisa - 13 novembre 2019 11:12
esiste il biologico vero?
secondo me spesso i prodotti che vendono te li sacciano x biologici e te li fanno strapagare e di bio non hanno nulla


Avatar utente Deborah - 13 novembre 2019 11:13
Il biologico non esiste, il mio compagno per lavoro ha dovuto frequentare dei corsi nei quali si parlava anche del biologico e addirittura gli esperti del settore, ribadivano che il biologico in realtà non esiste perché sarebbe davvero impossibile far crescere frutta e verdura. È diventata solamente una moda ed io non comprerò mai prodotti bio, anche perché fortunatamente abbiamo il nostro orto e sappiamo che cosa mangiamo.


Avatar utente Carmen - 13 novembre 2019 11:14
Io acquisto spesso cibi biologici, soprattutto se li trovo in offerta. Leggo le etichette e le certificazioni che attestano che il prodotto è biologico, sperando che tali certificazioni non siano false.


Avatar utente Concetta - 13 novembre 2019 11:17
Salve io non sono un'esperta in questo campo ma cerco di comprare il più possibile biologico compra dai contadini e in alcuni negozi dove si spera sia veramente biologico. Purtroppo esistono sempre persone disoneste ma non bisogna vedere il marcio ovunque


Avatar utente Francesco - 13 novembre 2019 11:17
Il mio pensiero è molto semplice.... In Italia si marcia su tutto per cui data la mia ignoranza nel riconoscere un prodotto effettivamente biologico, non li compro oppure li compro e non lo so. Inoltre i prezzi sono molto elevati e sinceramente con la situazione che c'è non credo che tutti possano permetterseli per lo più se non si ha la certezza di ciò che si sta comprando!


Avatar utente Maria Paola - 13 novembre 2019 11:17
Acquisto i cibi biologici quando sono in offerta, mi piacerebbe trovarli a prezzi più modici perchè in un bilancio familiare pesa tanto la spesa. La cosa che non capisco è perchè il cibo spazzatura costi poco e invece se si vuole un'alimentazione più attenta e benevola si deve spendere un capitale. Poi il mio dubbio è sempre sulla veridicità delle certificazioni, dubito sempre un po', soprattutto nei cibi biologici presenti nei discount.


Avatar utente Elena - 13 novembre 2019 11:18
I prodotti realmente biologici costano e con i pochi soldi in circolazione non credo siano tante le persone che se lo possano permettere. A mio parere tanti prodotti vengono spacciati per biologici solo per la scritta BIO sulle confezioni. Forse sono leggermente più sani degli altri ma non proprio biologici al 1000 per cento. Sulle confezioni possono scrivere qualunque cosa, non avevo dubbi sul fatto che molti di questi prodotti fossero contraffatti. Io stessa non sono sicura del fatto che ciò che compra sia Bio realmente.


Avatar utente Monica - 13 novembre 2019 11:51
In risposta a Giovanni - 2019-11-13 10:24:29
Bè essendo uno degli associati più vecchi (come is...
Ammiro la tua scelta di vita ed il tuo coraggio, condivido ogni singola parola che hai scritto, la passione che traspare è per me molto evidente! Io vivo a Milano ed anche a me piacerebbe far parte di un G.A.S. Ti ringrazio, ho trovato le tue info utili. Una buona vita a te e a tutti!


Avatar utente Giovanni - 13 novembre 2019 14:45
In risposta a Monica - 2019-11-13 10:51:21
Ammiro la tua scelta di vita ed il tuo coraggio, c...
Sicuramente a Milano è un pò più difficile trovare dei G.A.S. vista la grandezza della Città ed il vivere frenetico (ci ho vissuto 10 anni), ma se provi a cercare se sei fortunata potresti trovare qualcosa. Degli amici di Bollate (ma Bollate non è Milano) fanno parte di un G.A.S..
Pura Vida anche a te.


Avatar utente Loredana - 13 novembre 2019 11:19
Io li compro ogni tanto, prediligo succhi, formaggi, biscotti. La verità è che rimani sempre col dubbio se poi biologici lo sono effettivamente e quanto.
In un mondo in cui mai niente è quello che sembra, dive i furbetti la fanno da padroni...è un po difficile credere a quanti ci viene presentato.


Avatar utente Ernesto - 13 novembre 2019 11:20
A me non interessa proprio nulla del biologico...ho sempre mangiato ed utilizzato le robe che costavano di meno, a prescindere dall'origine e dalla qualità. Sto benissimo di salute con questi prodotti cosiddetti di infima qualità e ne trae giovamento anche il mio portafoglio: pertanto non ci penso per niente a farmi prendere da questa mania che ha coinvolto, a mo' di pecoroni, gran parte degli italiani e che li induce a spendere soldi per cose inutili (salvo poi lamentarsi che non arrivano a fine mese...). Per me è una boiata enorme!!!


Avatar utente Alessia - 13 novembre 2019 11:21
Non li compro senza una sicurezza e dato che sono ignorante nel riconoscere le certificazioni evito. Inoltre i prezzi sono molto alti ed io non me li posso permettere.


Avatar utente Alice - 13 novembre 2019 11:22
Io compro quasi tutto biologico, di solito mi fido della scritta "biologico", quindi potrei rientrare nella percentuale degli italiani truffati. Generalmente faccio la spesa da naturasì, dove credo sia biologico davvero.


Avatar utente Giovanni - 13 novembre 2019 11:24
Bè essendo uno degli associati più vecchi (come iscrizione) al G.A.S. (Gruppo di Acquisto Solidale) di Fano, so benissimo cosa sono e come vengono coltivati i prodotti biologici, essendo io stesso diventato, insieme ad altri amici conosciuti nell'ambito del G.A.S. produttore biologico di olio ed ortaggi. C'è da diffidare di tutti questi prodotti biologici che ci sono sul mercato, anche perchè non ci sono in Italia tutti questi ettari di terreni che consentono questa enorme produzione che si trova nella G.D.O. (Grande Distribuzione Organizzata). Per rispondere a qualcuno che ha dato il proprio parere precedentemente, vi dico che non tutti i prodotti biologici costano più degli altri, poi se vi avvicinate al mondo dei G.A.S. vi assicuro che tantissimi prodotti costano meno, anche perchè si saltano molti passaggi dal produttore al consumatore, semplicemente acquistando direttamente dal produttore che così ha una ricompensa giusta del proprio lavoro e non deve sottostare alle condizioni (a volte a livello di strozzinaggio) della G.D.O. o di altri fenomeni criminogeni. Altri invece costano evidentemente di più come per esempio olio, pasta e detergenti. E' evidente che non è semplice per tutti effettuare una spesa consapevole, ma ripeto provate a cercare un G.A.S. nella vostra zona , e vi assicuro che vi si aprirà un mondo, e così possiamo dire anche di dare una mano a questo nostro pianeta che viene continuamente violentato.


Avatar utente Monica - 13 novembre 2019 11:51
In risposta a Giovanni - 2019-11-13 10:24:29
Bè essendo uno degli associati più vecchi (come is...
Ammiro la tua scelta di vita ed il tuo coraggio, condivido ogni singola parola che hai scritto, la passione che traspare è per me molto evidente! Io vivo a Milano ed anche a me piacerebbe far parte di un G.A.S. Ti ringrazio, ho trovato le tue info utili. Una buona vita a te e a tutti!


Avatar utente Giovanni - 13 novembre 2019 14:45
In risposta a Monica - 2019-11-13 10:51:21
Ammiro la tua scelta di vita ed il tuo coraggio, c...
Sicuramente a Milano è un pò più difficile trovare dei G.A.S. vista la grandezza della Città ed il vivere frenetico (ci ho vissuto 10 anni), ma se provi a cercare se sei fortunata potresti trovare qualcosa. Degli amici di Bollate (ma Bollate non è Milano) fanno parte di un G.A.S..
Pura Vida anche a te.


Avatar utente Raffaella - 13 novembre 2019 11:25


Avatar utente Raffaella - 13 novembre 2019 11:26
io compro cibi biologici .li trovo migliori e vado anche nei negozi appositi,anche se costano di piu'


Avatar utente Lorena - 13 novembre 2019 11:26
Compro cibo biologico saltuariamente e prevalentemente quando è in offerta, controllo sempre che ci siano apposte le varie sigle di certificazione biologica fidandomi che ciò corrisponda al vero e che l'azienda si comporti correttamente. Notizie come queste di truffe però mi lasciano sconcertata e come consumatrice sono contenta che ci siamo controlli per la nostra sicurezza che smascherino questo.


Avatar utente Manuela - 13 novembre 2019 11:26
Non abbiamo ancora la cultura di una dieta sana ed equilibrata. I cibi biologici costano anche tanto. Si possono comprare in offerta


Avatar utente Daniele - 13 novembre 2019 11:28
Preferisco cibo biologico con la speranza che sia più salutare e non contenga sostanze nocive. Poi comunque bisogna fare i conti con le proprie finanze e la decisione spesso dipende dal prezzo.


Avatar utente Silvana - 13 novembre 2019 11:31
Acquisto cibi biologici.
Tuttavia dovrebbe essere la prassi, tutti i cibi dovrebbero essere biologici di default. Parliamo di nutrizione, salute e per me questa dovrebbe essere una forma di qualità garantita per ogni persona.
Le frodi mi spaventano ma cerco di acquistare da grandi ipermercati e aziende "sicure". Sinceramente spero di essere tutelata in tal senso.


Avatar utente Giancarlo - 13 novembre 2019 11:31
visto i costi elevati non acquisto cibo biologico


Avatar utente Eva - 13 novembre 2019 11:33
Ai giorni nostri i tema del "biologico" è veramente all'ordine del giorno, e ne se sentiamo parlare continuamente. Purtroppo non sono certa di conoscere approfonditamente l'argomento. Spesso non è semplice leggere le etichette presenti sui cibi e l'unico modo è fidarsi di qualche scritta in grassetto che certifica il " biologico". Sicuramente io mi impegno per seguire una dieta sana, ma a volte ho il dubbio di esser e informata.


Avatar utente Alvaro - 13 novembre 2019 11:33
Negli ultimi anni ho cambiato la mia opinione sul biologico e credo che essendo in Italia molte aziende ci marcino sul nome "BIO" per poter aumentare i prezzi e in sostanza nessuno può controllare che quel prodotto sia fatto secondo le direttive bio.
Non sono disposto a spendere di più solo per l'illusione di mangiare qualcosa di più sano solo perchè lo dice l'etichetta.
Gli ultimi scandali dell'olio di oliva venduto come extravergine e del prosciutto normale venduto come DOP mi stanno facendo ricredere anche sul BIO


Avatar utente Simona - 13 novembre 2019 11:34
Io il biologico non lo compro quasi mai,in Italia non esiste.
Basta una pioggia o un colpo di vento x infettare le coltivazioni con il chimico che i contadini vicini danno alle proprie coltivazioni.


Avatar utente Anna - 13 novembre 2019 11:35
Io acquisto molto spesso cibo biologico, pasta, riso, fette biscottate, marmellate e confetture, soprattutto il biologico lo compro per mia figlia di 3 anni sperando in una qualità maggiore del prodotto anche se sono consapevole che in giro ci sono molte truffe e che spesso "biologico" viene usato solo per vendere prodotti a caro prezzo..mi affido alle marche più conosciute sperando che almeno loro possano garantire sicurezza e affidabilità a chi come me vuole alimentare in modo più sano e sicuro i propri figli..comprerei sempre biologico per me e per tutta la famiglia ma purtroppo i prezzi sono proibitivi.


Avatar utente Alessandra - 13 novembre 2019 11:36
Io non credo molto nel biologico, onestamente credo sia piu un bussines che davvero un prodotto piu sano.
Non basta la dicitura Bio per essere piu sano occorrono certificazioni reali che la maggior parte dei produttori non ha.
Onestamente non l'ho mai comperato


Avatar utente Monica - 13 novembre 2019 11:36
Io mi fido solo degli alimenti che hanno il simbolo della certificazione europea: la fogliolina di stelle bianche su sfondo verde, per intenderci!
E comunque in generale ho delle riserve, perché a livello industriale i controlli dovrebbero essere molto più frequenti per vigilare seriamente su tutta la filiera dei produttori.
Ogni tanto acquisto alimenti bio certificati UE, perché trovo che abbiano un gusto più naturale e spero siano più salutari rispetto agli altri.
Ma sono convinta che non esistano al mondo terreni coltivati ed incontaminati.
Però non definirei una “mania” l’acquisto di cibi bio: è invece una scelta di vita, un modo per essere più sostenibili ed avere un impronta ecologica meno profonda...
Io sono attenta a ciò che acquisto, ma mi piace pensare che in positivo e dare fiducia a chi dimostra di averne...


Avatar utente Paola - 13 novembre 2019 11:38
io non compro biologico acquisto quello che capita


Avatar utente Lucia - 13 novembre 2019 11:38
Il biologico è un vero sogno per chi come me, pensionata a basso reddito deve lottare ogni giorno facendo i conti in tasca per far quadrare la giornata. Se avessi la possibilità acquisterei biologico ma vorrei avere la certezza di acquistare prodotti che rispettano davvero i requisiti reclamati..mi affiderei a pochi marchi di cui ho fiducia speranzosa di non essere fregata anche da loro.


Avatar utente Stefania - 13 novembre 2019 11:40
secondo me le persone danno un po troppo per scontate tante cose, la gente si fa prendere la mano e compra "bio".. e secondo me con molte poche informazioni a riguardo. Non credo sia sufficiente un bollino per garantire che un prodotto sia biologico o meno.. saranno sicuramente più salutari e faranno meno male rispetto agli altri prodotti, ma io in prima persona non ne ho la garanzia quando li acquisto, credendo che facciano meno male spesso li acquisto ma potrebbe esserci il prodotto non biologico e io non me ne accorgerei davvero!!


Avatar utente Patrizia - 13 novembre 2019 11:40
Acquisto i cibi biologici solo quando sono in offerta, i prezzi sono proibitivi, non so riconoscere se il prodotto sia BIO o no, so solo che sono troppo cari.


Avatar utente Roberta - 13 novembre 2019 11:40
Preferisco i cibi biologici a quelli non biologici, per cui quando possibile (in particolare se ci sono offerte) acquisto cibi biologici al supermercato. Solitamente mi affido al logo Euro-Leaf per la loro identificazione.
In generale, avendo la fortuna di abitare in un paesino, i mercati con i piccoli produttori locali non mancano e spesso preferisco acquistare proprio da questi piccoli agircoltori (verdure, latte, uova, legumi) anche se spesso non possiedono la certificazione biologica.
Mi fa piacere che rispetto al passato si dedichi maggiore attenzione nei confronti di un'agricoltura più sostenibile e di un'alimentazione più sana. Biologico è sicuramente meglio di non biologico, ma ritengo che vadano fatti ulteriori sforzi per intensificare i controlli, incentivare tipi di agricoltura nel lungo termine più sostenibili e favorire una maggior diffusione dei prodotti fairtrade.


Avatar utente Maurizio - 13 novembre 2019 11:42
non ho comprato prodotti biologici perchè:
- sono cari
- non si ha la certezza che siano veramente biologici
- mi risulta che per molte coltivazioni (anche frutta) se non dai qualche
prodotto insetticida.......


Avatar utente Silvia - 13 novembre 2019 11:47
Acquisto mto spesso il biologico, soprattutto a marchio di un paio di supermercati che frequento spesso e che credo siano una ulteriore sicurezza per garantirmi la veridicità di ciò che è scritto sulle confezioni, dove spesso è indicata anche l'italianità degli ingredienti, compro salsa, pelati, maionese, pasta, olio, alcune verdure surgelate, bevande vegetali ealtro a seconda dei miei gusti, cerco di stare attenta e mi indirizzo su poche marche che credo e spero siano più 'sicure', hanno marchi UE per il biologico


Avatar utente Francesco - 13 novembre 2019 11:47
Ormai, siamo arrivati al punto di mettere il termine bio anche a prodotti impensabili, proprio l altro giorno leggevo di un acqua bio, magari x il tipo di plastica che la conteneva,ma sta di fatto, che il settore biologico ha raggiunto fatturati notevoli, e proprio x questo motivo fà gola a tanti,troppi venditori.
Il bio totale a mio avviso non esiste, meglio comperare dal piccolo produttore, cercando di informarsi sul suo modo di coltivare!
Io potendolo fare, consumo i miei prodotti.


Avatar utente Veronica - 13 novembre 2019 11:48
Io preferisco il cibo classico, diffido del bio che temo sia solo la moda del periodo, non accompagnata da dati veri e sicuri che li accertino .


Avatar utente Filomena - 13 novembre 2019 11:49
Io personalmente non acquisto cibi biologici perché il costo è comunque più elevato. Inoltre non mi fido dei produttori che dicono che sia biologico


Avatar utente Camilla - 13 novembre 2019 11:54
Personalmente non acquisto molti prodotti Bio, semplicemente perchè il costo è più elevato e non so come riconoscere se un prodotto è realmente Bio, quindi evito di spendere più soldi. Mi piacerebbe consumare prodotti che siano veramente Bio


Avatar utente Nicola - 13 novembre 2019 11:58
Secondo me, il fatto di produrre prodotti biologici è solo un modo per le aziende di incassare di più facendo pagare ai consumatori il cibo a peso d'oro, visto che alla fine non ci trovo tante differenze tra un cibo bio e non; e mi capita di acquistarli molto raramente, solo se non posso farne a meno oppure non trovo alternative non biologiche, altrimenti non li compro.


Avatar utente Stefania - 13 novembre 2019 14:07
In risposta a Roberto - 2019-11-13 11:00:43
Non li acquisto appunto perché non mi fido delle c...
Non li acquisto quasi mai poiché hanno un costo più elevato, ma penso siano salutari e di qualità.


Avatar utente Roberto - 13 novembre 2019 12:00
Non li acquisto appunto perché non mi fido delle certificazioni. Soprattutto costano molto di più e non riscontro la qualità e il gusto sperati.


Avatar utente Stefania - 13 novembre 2019 14:07
In risposta a Roberto - 2019-11-13 11:00:43
Non li acquisto appunto perché non mi fido delle c...
Non li acquisto quasi mai poiché hanno un costo più elevato, ma penso siano salutari e di qualità.


Avatar utente Anna Maria - 13 novembre 2019 12:01
A mio avviso bisogna vedere se i prodotti sono effettivamente BIO.
Nel mio caso non sono una che li acquista anche perchè il loro costo è maggiore di uno che non lo è, per BIO è andare nelle fattorie a km zero dove si acquista a verdura che vedi raccogliere o le uova raccolte direttamente dalle galline e via dicendo....
Manca la chiarezza sui prodotto BIo che troviamo negli scaffali, si sulle etichette trovi tutto quello che t'interessa, ma quanto è vero?


Avatar utente Stefania - 13 novembre 2019 14:07
In risposta a Roberto - 2019-11-13 11:00:43
Non li acquisto appunto perché non mi fido delle c...
Non li acquisto quasi mai poiché hanno un costo più elevato, ma penso siano salutari e di qualità.


Avatar utente Gaia - 13 novembre 2019 12:07
a me non interessano i prodotti biologici, continuo a comprare i prodotti di sempre perchè non ho nessun vantaggio ad acquistare prodotti più cari senza benefici. le truffe sono dietro l'angolo e non saprei riconoscerle.


Avatar utente Chiara - 13 novembre 2019 12:09
Mi capita di comprare prodotti confezionati biologici ma non molto spesso perché il prezzo a volte è spropositato rispetto alle alternative e il dubbio che non siano effettivamente più salutari c'è, dato che non basta una semplice scritta per definire un prodotto bio. Cerco comunque di comprare prodotti 'freschi' di cui conosco la provenienza e in questo caso ritengo che il prezzo maggiore sia giustificato dalla qualità.


Avatar utente Diana - 13 novembre 2019 12:14
Il prezzo dei biologici è elevato rispetto ai prodotti normali, inoltre non c'è sicurezza che siano davvero biologici.


Avatar utente Ilaria - 13 novembre 2019 12:15
Difficilmente con prodotti biologici è una questione di abitudine e sono in offerta non mi compro volentieri ma non abitudinaria


Avatar utente Alessandro - 13 novembre 2019 12:22
Io raramente acquisti prodotti biologici perchè non mi fido, tante volte vengono spacciati per biologici prodotto che invece non lo sono, e poi i prezzi sono molto più alti


Avatar utente Michele - 13 novembre 2019 12:25
Biologico? no grazie , costa di piu e non da la certezza che lo sia veramente, meglio un azienda meno blasonata , ma che conosci che una marca che sventola la capacita della produzione biologica


Avatar utente Adriana - 13 novembre 2019 12:30
Salve a tutti,qualche volta ho acquistato biologico,ma purtroppo sono prodotti che costano parecchio,e non si ha alcuna sicurezza sul fattore biologico o meno...non per questo non si cerca di consumare prodotti freschi con etichette che magari ti aiutano a capire se sia un prodotto italiano o chissà di quale altro paese...mi è capitato di comprare frutta che veniva dalla Spagna,le clementine senza alcun sapore,non riesco a capire perché dobbiamo consumare prodotti degli altri paesi quando noi li produciamo e sono migliori...almeno avremmo prodotti del nostro territorio ,con una tracciabilità ad un giusto prezzo.


Avatar utente Maria Francesca - 13 novembre 2019 13:03
Non acquisto cibi biologici prodotti da grandi aziende. Se voglio comprare biologico mi affido a piccoli produttori locali. Che dietro al marchio biologico si possano nascondere delle truffe non è una sorpresa e purtroppo il consumatore può ben poco.


Avatar utente Marilena - 13 novembre 2019 13:17
Il biologico ha un suo fascino, dobbiamo dircelo. Parla al naturale, di attenzione all'ambiente e alla persona. Ciò che un po' manca è la coerenza. Non basta acquistare un prodotto biologico per sta bene, questo ci far star bene psicologicamente, soltanto e i marchi un po' ci giocano su, secondo me.


Avatar utente Maria - 13 novembre 2019 16:02
In risposta a Nicola - 2019-11-13 12:18:35
Purtroppo l'unico modo per sapere se un prodotto è...
infatti concordo


Avatar utente Nicola - 13 novembre 2019 13:18
Purtroppo l'unico modo per sapere se un prodotto è biologico è leggere attentamente le etichette. Ma è anche vero che le truffe sono all'ordine del giorno. Meglio acquistare da piccoli contadini.


Avatar utente Maria - 13 novembre 2019 16:02
In risposta a Nicola - 2019-11-13 12:18:35
Purtroppo l'unico modo per sapere se un prodotto è...
infatti concordo


Avatar utente Claudia - 13 novembre 2019 13:19
Anch'io come tanti italiani da diversi anni acquisto cibi biologici. Sono al corrente delle numerose truffe e proprio per questo motivo mi affido solamente alle marche più conosciute perché mi danno maggiori garanzie.


Avatar utente Maria - 13 novembre 2019 16:02
In risposta a Nicola - 2019-11-13 12:18:35
Purtroppo l'unico modo per sapere se un prodotto è...
infatti concordo


Avatar utente Alessandro - 13 novembre 2019 13:36
Il biologico è sempre il benvenuto, ma sarebbe meglio il naturale. Il biologico contiene comunque una minima parte di prodotti chimici. Certo in confronto ai prodotti industriali ben venga il biologico, ma se fatto come si deve. Poi c'è il problema delle frodi del falso biologico, ma qui l'unica cosa che si può fare è sperare negli organi preposti al controllo.


Simona avatar Simona - 13 novembre 2019 13:42
Trovo che il consumo di prodotti biologici sia una valida opzione per chi cerca di prendersi cura della propria salute. Peccato che non ci si possa fidare completamente delle aziende che promettono cibi biologici. Come si evince dall'articolo le truffe in questo campo sono molyteplici. Io personalmente non mi fido e cerco di acquistare dal contadino che conosco, in modo da avere la certezza di non essere truffata.


Avatar utente Daniela - 15 novembre 2019 15:10
In risposta a Marcella - 2019-11-13 13:01:30
Mi riconosco nei dati emersi dalla ricerca: faccio...
Purtroppo non condivido il tuo stesso entusiasmo nei confronti del mondo biologico e capisco la tua delusione nel leggere i dati riportati in questo articolo. Immagino che chi ha creduto nella buona fede delle aziende, possa sentirsi in un certo senso "tradito" quando si rende conto di essere stato truffato. Mi chiedo se valga davvero la pena spendere di più per l'acquisto di prodotti biologici se i risultati sono questi: delle aziende che ci guadagnano prendendo in giro i propri consumatori.


Avatar utente Tiziana - 13 novembre 2019 13:51
Come biologico conosco solo ciò che mi da il mio orto, ritengo che sia un modo come tanti di ingannare la gente, i processi di crescita di un frutto , ortaggi ecc sono lunghi ma allo stesso tempo il prodotto viene richiesto e ricercato dal cliente.
Si va alla ricerca del prodotto perfetto senza il puntino dell ' insetto e guai a trovare un bruco... ecco io preferisco quelli con il bruco, quelli del mio orto o quelli del contadino .
Mi spiace ma non ho fiducia ne delle etichette ne del prodotto così presentato come biologico, in poche parole non sono facilmente manipolabile!


Avatar utente Daniela - 15 novembre 2019 15:10
In risposta a Marcella - 2019-11-13 13:01:30
Mi riconosco nei dati emersi dalla ricerca: faccio...
Purtroppo non condivido il tuo stesso entusiasmo nei confronti del mondo biologico e capisco la tua delusione nel leggere i dati riportati in questo articolo. Immagino che chi ha creduto nella buona fede delle aziende, possa sentirsi in un certo senso "tradito" quando si rende conto di essere stato truffato. Mi chiedo se valga davvero la pena spendere di più per l'acquisto di prodotti biologici se i risultati sono questi: delle aziende che ci guadagnano prendendo in giro i propri consumatori.


Avatar utente Antonella - 13 novembre 2019 13:57
onestamente non credo al bio,magari ad un prodotto con meno pesticidi.. il terreno e le piogge sono inquinate e non evitano le piantagioni bio. acquisto poco perche' ho la fortuna di avere un piccolo orto. per quanto riguarda le etichette ci credo ben poco.


Avatar utente Laura - 13 novembre 2019 13:58
Io non compro spesso prodotti biologici, a meno che non siano in offerta, perché costano di più. Purtroppo ho scarse nozioni in merito, non saprei riconoscere se un prodotto è veramente biologico oppure no. Le mie pochissime conoscenze mi fanno pensare che un prodotto biologico sia più controllato e quindi più sano, ma non conosco le dinamiche di certificazione.. devo sicuramente documentarmi meglio. Certo i risultati delle indagini descritti nell'articolo sono davvero preoccupanti..


Avatar utente Marcella - 13 novembre 2019 14:01
Mi riconosco nei dati emersi dalla ricerca: faccio parte di quei 6 italiani su 10 che, quando si trovano davanti agli scaffali del supermercato, vanno alla ricerca dei prodotti biologici ed esaminano con attenzione le etichette. Leggere le notizie relative a truffe e frodi riportate in questo articolo mi fa sentire scoraggiata e delusa perché sono una persona che tende a ”fidarsi” delle informazioni riportate sulle confezioni e a credere nella buona fede delle aziende. Di solito, per scegliere e acquistare un prodotto, più che alla presenza di bollini di certificazione, mi affido alle informazioni che leggo stampate su flaconi, bottiglie, scatole ecc. Questo è dovuto proprio al fatto che non conosco in modo approfondito le certificazioni, se non quelle più famose. Generalmente mi rassicura già solo il fatto di leggere sulle confezioni la parola “BIO” oppure di trovare scritte come “da agricoltura biologica”, “filiera controllata” ecc.
Anche l’uso del colore verde per i packaging mi induce a pensare che un prodotto sia realizzato con ingredienti naturali senza l’aggiunta di conservanti, elementi chimici aggressivi ecc.
Ammetto che forse fino ad oggi sono stata una consumatrice un po' superficiale. Mi riservo di essere più attenta e scrupolosa nei miei acquisti futuri.


Avatar utente Daniela - 15 novembre 2019 15:10
In risposta a Marcella - 2019-11-13 13:01:30
Mi riconosco nei dati emersi dalla ricerca: faccio...
Purtroppo non condivido il tuo stesso entusiasmo nei confronti del mondo biologico e capisco la tua delusione nel leggere i dati riportati in questo articolo. Immagino che chi ha creduto nella buona fede delle aziende, possa sentirsi in un certo senso "tradito" quando si rende conto di essere stato truffato. Mi chiedo se valga davvero la pena spendere di più per l'acquisto di prodotti biologici se i risultati sono questi: delle aziende che ci guadagnano prendendo in giro i propri consumatori.


Avatar utente Deborah - 13 novembre 2019 14:01
Secondo me sono gli stessi prodotti solo con prezzi più alti. Chi ci assicura che siano davvero più salutari? Un'etichetta non può dare fiducia. In ogni caso, non ne ho mai acquistati e credo che anche in futuro non saranno nelle mie scelte.


Giovanna avatar Giovanna - 13 novembre 2019 14:07
fortunatamente, abitando in un piccolo centro, è abbastanza facile avere molti prodotti biologici che provengono da ortolani locali che avendo piccole produzioni coltivano in modo sano … certo quando si acquista nei supermercati le cose sono un po' diverse. Cerco comunque di acquistare marchi locali ma non so fino a che punto posso stare tranquilla...


Avatar utente Mara - 13 novembre 2019 14:10
Quando posso e più che posso scelgo biologico. Purtroppo a suon di mangiare "spazzatura" si perde il "gusto" degli alimenti "genuini" e non ne faccio una colpa a chi al primo assaggio non lo percepisce. Ed in più vengo da anni di privazioni alimentari x via delle allergie che sto risolvendo e vi lascio immaginare quanto ho faticato a trovar cose sane da mangiare e da fare mangiare ai miei cari. Mi fido delle marche bio storiche e spero che nella grande distribuzione effettivamente facciano i controlli che a gran voce dichiarano di fare. Purtroppo i truffatori ci son sempre stati ed è una "razza" con cui dobbiamo, per noi e per le generazioni future, combattere in ogni modo compreso non andar a fare le spese nei negozi, anche se blasonati, che fin ora han venduto i loro prodotti xchè vuol dire che non fanno i controlli! Per il costo superiore dei prodotti, come tutti sappiamo, l'agricoltura biologica ha rese minori e costi maggiori e quindi benvengano le promozioni.


Avatar utente Marco - 13 novembre 2019 14:10
personalmente di cibi biologici acquisto prevalentemente frutta e verdura, per il resto in minima quantità. leggendo il nombe biologico si pensa in effetti a una maggiore qualità ma non credo sia giustificato un prezzo così supiore e non mi fido si una semplice scritta per credere in una qualità realmente differente rispetto ai prodotti non biologici


Avatar utente Roberta - 13 novembre 2019 14:15
Io sono molto attenta al cibo che acquisto e più che biologico, prediligo del cibo "a km 0" per così dire, acquistando direttamente dal produttore nei limiti del possibile. Detto questo, ritengo che il biologico sia oggi una moda più che un concetto, spesso uno specchietto per le allodole usato dalle grandi industrie per attirare il consumatore medio desideroso di seguire il trend attuale. Dico quindi sì al biologico, ma con grande, grandissima attenzione alle etichette e alle fonti da cui i prodotti provengono.


Avatar utente Tiziana - 13 novembre 2019 14:27
Il tentativo è quello di acquistare qualcosa di più sano, con determinate norme nella produzione, che rispetti un protocollo che garantisca la qualità. Acquisto spesso prodotti biologici, e presto molta attenzione alle etichette, nella speranza di non imbattermi mai in queste truffe


Avatar utente Cristina - 13 novembre 2019 14:28
Cerco di scegliere cibo sano, ma non è facile. Il biologico per me sta cavalcando l'onda, nel senso che alcuni applicheranno tutte le norme e i prodotti consentiti, ma molti hanno trovato il modo di vendere i prodotti a prezzo maggiorato, perchè si sa che il biologico ha minore resa e maggiori costi. Una volta era tutto biologico, si prendeva dal contadino, poi è arrivata la cultura meccanizzata con concimi chimici e tutti hanno lasciato i campi. Ora si vuole tornare indietro, maa io non mi fido. Ho il mio orticello e poi cerco di comprare quanto di stagione e italiano.


Avatar utente Maria Luisa - 13 novembre 2019 14:37
Lo sviluppo del biologico non è stato accompagnato da campagne di informazione istituzionali, ma è stato un processo di maturazione spontanea. Ora è importante informare i consumatori sui veri valori del metodo biologico. Il primo, e anche quello di cui si parla meno, è l’importanza di questo sistema per mantenere la fertilità del suolo. L’agricoltura convenzionale nutre le piante, fornendo gli elementi chimici necessari alla crescita; l’agricoltura biologica invece nutre il suolo, grazie a una serie di tecniche (come le rotazioni colturali, i sovesci, la trinciatura delle erbe nel suolo e l’uso di fertilizzanti organici) che evitano l’impoverimento del suolo e fanno sì che questo non vada verso la desertificazione, come accade per i terreni convenzionali.
Io acquisto biologico non per moda ma convinzione e guardo con attenzione le etichette su cui ci sono le certificazioni per evitare di comprare cose falsamente biologiche.


Avatar utente Rachele - 13 novembre 2019 14:50
Mi capita di acquistare a volte prodotti biologici, nonostante abbiano prezzi più alti rispetto ai prodotti non bio; ritengo che la crescita di acquisti in questo senso sia da interpretare come il bisogno da parte dei consumatori di mangiare cibi sani, anche in situazioni in cui non è possibile acquistare direttamente dal produttore o a km 0. Mi "fido" delle certificazioni stampate sui prodotti, tuttavia sono consapevole che il vero biologico non sia altro che utopia.


Avatar utente Anastasia - 13 novembre 2019 14:59
io li acquisto raramente,solo quando sono in offerta! non sono esperta del BIO,pero sono certa che non sono al 100% salutari,pero sono meglio dei altri non BIO!


Avatar utente Lucia - 13 novembre 2019 15:06
Capita spesso di acquistare prodotti biologici e la maggior parte delle volte quando sono in offeta altrimenti il costo della spesa settimanle aumenterebbe notevolmente. Sono ormai anni che in famiglia utilizziamo alimenti biologici. In questi ultimi anni si è diffusa più come moda che come stile di vita sano e consapevole. Leggo molto attentamente le etichette dei prodotti e tendo ad evitare gli alimenti che contengono conservanti coloranti e additivi chimici. Faccio un esempio forse un pò banale e forse anche un pò fuori luogo. Quando scelgo una marca di biscotti negli ingredienti alla fine è scritto sempre aromi o aroma senza specifiche. Quindi presuppongo che si tratti di aromi artificiali. Perchè scegliere prodotti di questo tipo? Nei prodotti biologici e tra questi anche biscotti è riportato in confezione dichiaratamente che si tratta di aromi naturali tipo vaniglia, bacche di vaniglia al posto della vanillina che tutti sappiamo o dovremmo sapere che è un aroma artificiale. C'è una marca una marca in particolare che utilizzo ogni tanto e forse è la più conosciuta. Mi dite perchè una grande azienda italiana che scrive in etichetta "senza olio di palma" poi ci mette gli aromi artificiali? in questo caso la vanillina. Detto questo io prediligo prodotti naturali biologici anche se sono consapevole che costano di più. Però la salute e il benessere è importante e se viene meno questo aspetto non rimane nulla.


Avatar utente Lidia - 13 novembre 2019 15:13
Purtroppo io penso che ultimamente il "biologico" stia diventando più una moda che un reale stile di vita consapevole, in quanto purtroppo non ci si dovrebbe limitare soltanto all'acquisto di prodotti definiti tali. Credo anche che molti di noi si facciano conquistare dalle etichette, senza realmente saperle leggere o capire le varie certificazioni, io in primis. Ma purtroppo è anche vero che noi consumatori possiamo basarci solo sulle etichette perchè come si dice dalle mie parti "quello che è scritto, leggere si vuole". Quindi se quelle etichette sono delle truffe, come i casi descritti sopra, noi come lo scopriremo?


Avatar utente Tonino - 13 novembre 2019 15:27
Non acquisto prodotti biologici e non saprei riconoscere un falso biologico.
Comunque questo articolo dà ragione ai miei dubbi.


Avatar utente Rossella - 13 novembre 2019 15:39
Molto spesso sono tentata di comperare questi prodotti o alcuni di essi , mi blocca sinceramente il prezzo che è molto alto e le varie truffe di cui leggiamo spesso. Non siamo tutelati per nulla, dovremmo fidarci di chi ci vende un prodotto, che dovrebbe essere sano, spacciandolo per biologico e invece comperiamo tutt'altro.Sinceramente vado oltre e non compero.


Avatar utente Luana - 13 novembre 2019 15:42
Acquisto occasionalmente cibi biologici, l’idea e il principio pur essendo rispettabile e corretto per una migliore alimentazione spesso nasconde business e nulla più. Lo vediamo nei prezzi molto elevati del cibo così detto biologico venduto nei supermercati. Oltretutto parenti che sono coltivatori diretti hanno sostenuto i corsi e gli esami per comprendere meglio cosa significa veramente biologico ai fini legali e non è assolutamente quello che noi tutti pensiamo, anzi, l’utilizzo di sostanze potenzialmente nocive è comunque in qualche misura e forma consentito.
Voglio solo fare un ultima considerazione, a casa ho una pianta di limone in balcone che produce una certa quantità di limoni che sicuramente sono biologici, poiché do solo acqua e nulla più. L’aspetto di questi limoni è molto bello, grossi, ordinati, profumati, con una bella buccia edibile, ecc... perché quando guardò i limoni bio al supermercato mi passa la voglia di acquistarli? Più che bio mi sembrano scarti!


Avatar utente Elisa - 13 novembre 2019 15:46
Io cerco di comprare biologico. Quando possibile compro frutta e verdura al mercato a km zero della mia città, conosco i produttori e mi fido di loro. Quando non è possibile mi accontento di ciò che trovo al supermercato, facendo attenzione ai bollini che certificano il prodotto come biologico. Se si tratta di prodotti confezionati leggo attentamente tutta l'etichetta, cerco di fare più attenzione possibile perchè sono consapevole che la truffa è dietro l'angolo Mi piacerebbe poter acquistare la spesa nei negozi che vendono solo biologico, ma hanno prezzi esagerati e fuori dalla mia portata, non è fattibile fare tutta la spesa lì.


Avatar utente Silvia - 13 novembre 2019 15:53
E' solo una certificazione. Non sono più sani e non fanno meglio di tanti altri cibi.


Avatar utente Maria - 13 novembre 2019 16:04
io vorrei fidarmi di piu' , mi capita di acquistare cibi biologici , e nonostante ci sia la certificazione non sono mai certa dell'attendibilità


Avatar utente Maria - 13 novembre 2019 16:04
io vorrei fidarmi di piu' , mi capita di acquistare cibi biologici , e nonostante ci sia la certificazione non sono mai certa dell'attendibilità


Avatar utente Franco - 13 novembre 2019 16:16
La tendenza all'aumento nell'acquisto di prodotti biologici è sicuramente positiva. Purtroppo l'unica fonte dove è possibile attingere informazion i sulla genuinita' del prodotto, è solo e soltanto l'etichetta. Questo è molto limitativo, quindi esclude buona parte dei compratori; infatti i prodotti bio sono generalmente piu' costosi, quindi in mancanza di garanzie certe, molti utenti preferiscono ancora i prodotti tradizionali. Occorre piu' educazione da parte dei produttori, l'aumento dei casi di truffa ne è la riprova. Per adesso mi limito a prodotti bio locali di cui sono certo .


Avatar utente Michele - 13 novembre 2019 16:17
Personalmente sono convinto ad acquistare prodotti biologici, lo facciamo sempre. Dalle mie parti è facilissimo acquistare dai produttori, in molti casi sono amici e conoscenti, quindi ci è facile essere sicuri che i prodotti sono realmente biologici. Ma purtroppo non sempre si può essere sicuri, specie dei prodotti venduti nelle grandi catene di distribuzione. Anche nei periodi che sono, per motivi di lavoro, stato all'estero, in Germania, ho sempre acquistato biologico, sempre. credo che siano i prodotti migliori.
Ma il problema dell' attendibilità resta sempre .


Avatar utente Riccardo - 13 novembre 2019 16:19
Sono sempre stato titubante nell'acquistare prodotti biologici,perche' oltre a pagarli molto di piu' potrebbero essere non conforme alle mie aspettative,preferisco i mercati a km zero dove sono sicuro della genuinita' dei prodotti.


Avatar utente Concetta - 13 novembre 2019 16:25
Qualche volta ho acquistato prodotti biologici,per provare,mi sembrano uguali di sapore a essere sinceri...poi sinceramente non mi fido per le troppe truffe ,ma debbo dire che anche per i prezzi troppo elevati non ti invogliano ad acquistare


Avatar utente Giuliana - 13 novembre 2019 16:46
Secondo me la gente é spinta ad acquistare questi prodotti, nella speranza che siano migliori degli altri. Meno pesticidi, più controlli più sani. Io li acquisto per questi motivi, ma so benissimo che la truffa è sempre dietro l'angolo, sia come prezzo che come prodotto che non è biologico. Ormai minoriento verso il km zero un po' più sicuro.


Avatar utente Sara - 13 novembre 2019 16:48
si li riconosco dal simbolo con la fogliolina e si li acquisto, mi fido solo di alcuni brand e negozi.
credo che valga la pena mangiare sano e aiutare chi preserva la nostra terra


Avatar utente Stefania - 13 novembre 2019 16:55
Personalmente negli anni sto cercando sempre più di orientarmi verso un tipo di alimentazione biologica e naturale. Questo perché purtroppo l’uomo ha rovinato ha natura e di conseguenza fa del male anche a se stesso. Io cerco di acquistare da produttori locali, quando nn riesco vado al supermercato e prendo alimenti con la scritta bio e l’immagine della foglia verde. Certo pensare a tutte queste frodi fa dubitare ormai di ogni cosa


Avatar utente Laura - 13 novembre 2019 17:24
All’inizio , appena erano usciti , prendevo anche io prodotti con la scritta biologico. Ero disposta a pagare di più per prodotti che credevo veramente biologici. Poi ho visto un servizio o ho letto un articolo dove dicevano che non sempre questi prodotti erano veramente biologici così ora acquisto prodotti normali. Abito in campagna e ho piante da frutta, credetemi, un frutto biologico è segnato, brutto alla vista ma buonissimo. La frutta biologica che vendono è spesso troppo perfetta per essere biologica


Avatar utente Michele - 13 novembre 2019 17:25
a me il biologico non interessa più di tanto. Soldi da spendere in più non ce ne sono ed inoltre ho la sensazione che sia un fatto commerciale


Avatar utente Enzo - 13 novembre 2019 17:33
Concordo con la ricerca che è stata fatta, tuttavia quando posso cerco dei prodotti bio, leggo attentamente le etichette, ma purtroppo mi devo fidare di quello che scrivono. Per frutta e verdura generalmente mi rifornisco vicino casa a km. o, da un'operatrice che ha la mia fiducia e che ha aderito all'associazione "Campagna Amica".


Avatar utente Elena - 13 novembre 2019 17:33
Sono completamente d’accordo con quello che viene riportato nell’articolo, ossia che molti italiani comprano cibi biologici senza sapere che cosa siano veramente. Secondo me gli italiani comprano questi cibi più per “moda” che per vero interesse per il biologico, perché la tv e i social ci insegnano che sono cibi più salutari. Molti credono di sapere cosa sia il biologico ma non è così: si affidano solo alle etichette. Nella mia famiglia si predilige l’acquisto di cibi biologici e possibilmente km 0 da venditori delle nostre zone. Ci affidiamo a persone di cui ci fidiamo e conosciamo piuttosto che ai supermercati!


Avatar utente Giuseppe - 13 novembre 2019 17:55
E' una cosa normale che la gente cerca la qualità nel cibo e anche io cerco sempre i prodotti locali,oppure leggo gli ingredienti degli alimentari che acquisto.Purtroppo alcune aziende approffitano della fede del consumatore e spacciano per biologici prodotti che non lo sono affatto.Ho notato che d'un tratto quasi tutto è diventato "bio" quando è chiaro che non è possibile e sono convinta che al giorno d'oggi nessun prodotto può essere dichiarato 100% bio,visto che l'aria e l'acqua sono inquinante ovunque.


Avatar utente Marcella - 13 novembre 2019 18:05
Io invece compro spesso prodotti biologici, o meglio la carne la prendo in una piccola catena di macellerie che vende animali, latte e uova prodotti nella zona, che anche li non sono solo ad erba e fieno.. personalmente,da quello che vedo tutti i giorni credo che il bio 100% negli alimenti non esista e sia solo una bufala per attirare più clientela su un prodotto che ha un prezzo maggiore rispetto alla "concorrenza".


Avatar utente Marianna - 13 novembre 2019 18:06
La gente crede o almeno gli hanno fatto credere che il biologico sia sinonimo di genuinità e di qualità, ma sarà veramente così? Io ho sempre avuto i miei dubbi e compro senza tenerne conto... Biologico dovrebbe essere più genuino, ma i controlli secondo me non ci sono ed è solo un'etichetta che fa aumentare di molto il prezzo dei prodotti.
C'è tantissima pubblicità di questi prodotti e la gente è solamente attratta e non sempre sa il vero senso dei biologico e di cosa sta comprando... io per esempio non so riconoscere una truffa in base alle certificazioni.


Avatar utente Chiara - 13 novembre 2019 18:15
Salve, io compro alimenti biologici, mi fido delle etichette e confido nelle marche famose, cerco di non pensare alle frodi, cerco di fidarmi, di acquistare i marchi più famosi in questo settore e nelle catene che vendono questo tipo di prodotti


Avatar utente Marco - 13 novembre 2019 18:16
Penso che gli italiani siano un popolo storicamente legato alla "terra" e ai suoi prodotti. Io personalmente tendo a preferire prodotti bio, specialmente in campo alimentare, più nella rete vendita a km 0, che rispetto ai vari prodotti che posso trovare nei super-ipermercati, le cui certificazioni spesso da chi derivano?. Poter parlare direttamente con il produttore mi permette di constatare l'effettiva qualità e i metodi di coltivazione/produzione, oltre ad essere sicuro di come ho ottenuto il prodotto che mi viene venduto. Ovviamente bisogna "stare sulla fiducia" e i costi sono un pò più alti, ma così si incentiva anche la micro-economia e lo sviluppo del territorio.


Avatar utente Lucia - 13 novembre 2019 18:18
Non mi fido molto dei prodotti dichiarati biologici.
Spesso è un modo per motivare un prezzo alto, il prodotto non sembra di buona qualità e ricado sempre sulla scelta di prodotti "normali".


Avatar utente Attilio - 13 novembre 2019 18:26
Non è semplice, personalmente mi fido dei grandi marchi noti per i loro prodotti biologici che fanno proprio del biologico il loro brand, come per esempio "Alce Nero"

Inoltre ritengo che le marche a marchio dei supermercati siano maggiormente controllate da quel punto di vista, questo è un altro punto a favore

Per il resto, non mi fido di marche poco note che si definiscono "biologiche"


Graziella avatar Graziella - 13 novembre 2019 18:45
Io ho la fortuna di acquistare direttamente dal produttore e sostiene che il vero biologico non esiste. Infatti tu puoi coltivare biologico ma se il tuo vicino di campo usa pesticidi il tuo non è più biologico perché c'è contaminazione. Io condivido questo pensiero. Il biologico puro secondo me non esiste, è un po' come vendere il nome biologico a in sacco di soldi.


Avatar utente Maurizio - 13 novembre 2019 18:50
In effetti sarebbe bello essere sicuri di mangiare cibo genuino anche a fronte di un prezzo un po' maggiorato , ma la diffidenza è alta e giustificata. Io personalmente compro alcune volte i prodotti biologici ma solo quando sono in promozione e proprio per le ragioni esposte in precedenza; le informazioni inseeite nelle etichette sarebbero perfette se anche le certificazioni fossero sicuramente vere, ma spesso si sono verificate truffe anche verso le certificazioni stesse...e quindi come fare? Rimango disilluso.


Avatar utente Roberto - 13 novembre 2019 18:57
Il prezzo del biologico è carissimo e in più non abbiamo neanche la certezza che questi prodotti siano genuini e soprattutto che siano ben controllati.
Addirittura si parla di truffe e tutto a nostre spese e soprattutto a danno della nostra saluto, che pensiamo di acquistare un buon prodotto che non faccia male e invece e uguale agli altri prodotti ma con un prezzo super maggiorato.
tendo ad acquistare in base a un buon rapporto qualità prezzo perchè non so distinguere un buon prodotto da uno non buono


Avatar utente Francesca - 13 novembre 2019 19:00
Acquisto verdura, carne , formaggi, legumi, pasta, farina e altro tramite un gas (gruppo di acquisto solidale). Uova, noci da amici. A volte al mercato e molto poco al supermercato, al limite in negozi dedicati.


Avatar utente Rosa - 13 novembre 2019 19:27
Ciao, io non acquisto molto il biologico perchè non mi fido.
O meglio, mi fido del contadino che conosco e so come coltiva, allora si che spendo volentieri qualcosa in più per acquistare il biologico. Per quanto riguarda la grande distribuzione, invece, credo che ci sia dietro solo un operazione di marketing e non sono disposta a spendere di più.


Avatar utente Corrado - 13 novembre 2019 20:19
Ciao, io penso che molta gente compra il biologico perché dicono che e più salutare.
Io non lo acquisto, preferisco spendere meno.


Avatar utente Massimo - 13 novembre 2019 20:21
Immagino il biologico come qualcosa di naturale, non trattato con agenti chimici nè con aggiunta di coloranti, conservanti ecc... ma non pensavo che non ci si potesse fidare!!! Allora questo mi fa pensare che è tutto un business!!!


Avatar utente Alba - 13 novembre 2019 20:53
Secondo me è diventata solo una moda comprare cibo biologico, ma, in realtà, di biologico vero ne esiste poco. Si mi è capitato comprare del cibo biologico, in offerta, perchè a prezzo pieno costa tanto, e non vale il prezzo pagato. Ma, sinceramente, non sa di niente. Non conosco le certificazioni, e non mi fido neanche.


Avatar utente Giulia - 13 novembre 2019 20:55
Personalmente il BIO non mi ha mai attirato troppo! Non mi fido tantissimo di quello che trovo in circolazione e ormai è diventato tutto una gran moda! Certo curo la mia alimentazione ecc ma tendo più all'acquisto di prodotti locali e senza trattamenti particolari. Acquisto nel mercato locale sia frutta che verdura.
Spero che in futuro si chiarisca meglio provenienza ecc


Avatar utente Roberta - 13 novembre 2019 20:57
premetto di non essere una grande esperta in fatto di biologico ma ho un papa'che coltiva per uso personale un po' di tutto e mi spiega un po'.......quando vedo frutta venduta come biologica e quindi con un costo maggiorato rispetto a quella tradizionale che ha un aspetto eccellente e tutta uguale non mi fido .......ho anche visitato cascine che producono e vendono prodotti biologici e li'sono piu' tranquilla........non mi sembra corretto fare allarmismo o di tutta l'erba un fascio,penso servano piu' controlli rigorosi perché è un bel business....nella grande distribuzione non compro biologico


Avatar utente Corrado - 13 novembre 2019 21:08
Personalmente non sono molto attento ai prodotti biologici. Non ho molta fiducia nei confronti dei produttori. Sicuramente vista la possibilità di acquistare prodotti a km 0, forse non biologici, ma comunque raccolti quando maturi.


Avatar utente Donatella - 13 novembre 2019 21:37
Personalmente non credo al biologico, ho la fortuna di aere un orto e sinceramente i prodotti che questo mi fornisce (veramente biologici poichè non uso alcun elemento chimico) non hanno l'aspetto di quelli che vengono messi in vendita.


Avatar utente Riccardo - 13 novembre 2019 21:39
Io scelgo il biologico, è molto importante il negozio che lo propone, perchè se è una catena "seria" di distribuzione non vuole innescare una valanga di critiche dalle obiezioni dei consumatori che possono innescare addirittura una causa legale comune, se si sentono truffati. Non sono informato sull'affidabilità degli organismi di certificazione; alcune ispezioni sui prodotti biologici: so che avvengono previo avvertimento dei produttori sull'imminente visita di ispezione. Credo sia molto importante legiferare al proposito su controlli obbligatori delle ASL ed ispezioni del ministero agricoltura a tutela della salute degli acquirenti. Questo perchè già dichiarare che il prodotto soddisfa a requisiti biologici, implica una tutela legale maggiore contro le possibili frodi e raggiri in commercio.


Avatar utente Andrea - 13 novembre 2019 21:41
Io fondamentalmente non credo nei cibi biologici ma rispetto tutto coloro a cui piacciono.
Il rapporto qualità/costo non soddisfa le mie esigenze, ecco per cui tendo a comprare altri prodotti. Avendoli provati qualche volta, ho l'impressione che perdano quel sapore genuino.


Avatar utente Alfonso - 13 novembre 2019 21:44
Pensi che questa tendenza sia dovuto dalla paura di mangire cibi di bassa qualità coltivati in territori poco salutari (terra dei fuochi) e preferiscono pagare di più e essere più sicuri. Io li acquisto raramente e li riconosco dalla scritta bio o con la fogliolina verde.


Avatar utente Nunzia - 13 novembre 2019 23:42
Credo che il biologico sia solo un'operazione commerciale che cavalca l'onda della moda del momento. Costa di più (troppo) e non mi spiego il perchè: se non è stato usato niente, c'è meno lavorazione e quindi meno costi, allora perchè pagarlo di più? E chi ci dà la sicurezza che sia davvero quello che dicono? L'unico bio certificato di cui mi fido è quello che produco io nel mio orto, e so quello che mangio.


Avatar utente Teresa Maria Barbara - 14 novembre 2019 02:13
I cibi biologici non mi hanno mai interessato in modo particolare, proprio per il fatto di queste cosiddette truffe di cui abbiamo letto precedentemente.Ho sempre pensato, Costano davvero troppo! E non ne vale la pena , alla fine sono cibi come gli altri, e ci fanno credere che sono stati trattati solo con metodi naturali , ma non è vero niente, non mi fido nemmeno delle etichette che a questo punto potrebbero essere state contraffatte e quindi l'imbroglio è sempre dietro l'angolo.La cosa più sicura sarebbe quella di produrre ognuno il suo , ma non tutti possono produrre cosi


Avatar utente Anna - 14 novembre 2019 06:36
Sono convinta che quello che sulle confezioni viene chiamato biologico è solo una manovra commerciale, un modo per vendere prodotti al triplo del loro prezzo. Io in genere non compro prodotti biologici, a meno che non siano in offerta ad un prezzo equivalente o inferiore a quelli "non biologici". In una società in cui il guadagno personale é la priorità, penso che non potremo mai sapere cosa davvero ci fa male, quindi la mia soluzione è: non comprare sempre gli stessi prodotti ma diversificare sia il tipo di prodotto sia la marca. Io in genere approfitto delle offerte, anche perché il cibo ormai ha dei costi elevatissimi.


Avatar utente Elisabetta - 14 novembre 2019 08:42
io acquisto molto spesso prodotti biologici, ma visto che ormai qualsiasi supermercato e discount vende tali prodotti mi sto' chiedendo se effettivamente sono prodotti biologici. Naturasi' uno dei primi a vendere prodotti biologici continua a vendere tali prodotti a prezzi nettamente maggiori della concorrenza. Sarà più opportunista o realmente i suoi prodotti provengono dal biologico e gli altri .......NO?


Avatar utente Andrea - 14 novembre 2019 08:51
Acquisto di tanto in tanto prodotti biologici e so riconoscere le certificazioni; è chiaro che, essendo la tendenza di acquisto in aumento, risultino in aumento - purtroppo - anche i tentativi di frode in merito all'argomento. Andrebbero ottimizzati i controlli, con l'ottica di ridurre anche l'impatto sui costi; per ottenere una certificazione, non solo il prodotto dovrebbe seguire dei rigorosi standard, ma i costi "aggiuntivi" sono esorbitanti.. senza considerare il fatto che l'ente certificatore, pagato dall'Azienda che vuole certificarsi, soffre di un forte conflitto di interessi..


Avatar utente Daniele - 14 novembre 2019 10:08
solitamente non li acquisto a causa del prezzo troppo alto e anche perche' non so se effettivamente sono prodotti davvero biologici


Avatar utente Sabrina - 14 novembre 2019 10:27
Cerco il più possibile di informarmi, conoscere e provare un prodotto prima di acquistarlo. Leggo le etichette e in particolare mi soffermo se essi contengono additivi, surrogati e che non via siano contaminazioni in fase di produzione (la presenza di gusti è molto pericolosa per le allergie alimentari). Questo procedimento lo faccio indipendentemente che siano biologici o meno perchè non sempre, come è risultato dalle indagini sopra riportate, il significato di BIO è uguale a "metto in tavola un ingrediente sicuro per me e la mia famiglia". Principalmente cerco sempre di acquistare prodotti direttamente dal produttore conoscendo la storia della sua azienda ma non sempre è possibile farlo.


Avatar utente Gloria - 14 novembre 2019 13:19
acquisto prodotti bio,anche se tendono ad essere costosi


Avatar utente Denis - 14 novembre 2019 14:56
Da circa 5 anni sono molto attento a cio' che mangio perchè molto importante per la salute e perchè una sana alimentazione aiuta a prevenire molte malattie sia meno gravi ma anche quelle piu' serie.
Quando vado a fare la spesa sono molto attento a cio' che metto nel carrello, leggendo le etichette e verificando la presenza di possibili sostanze dannose per l'organismo in base alle conoscenze acquisite seguendo programmi televisivi e su web dove parlano esperti come biologi nutrizionisti.
Io cerco di acquistare il piu' possibile alimenti Biologici meglio se italiani e comunque anche per i non bio mi comporto allo stesso modo leggendo le etichette ed informandomi su web. La differenza si sente molto soprattutto nel sapore molto piu' naturale e meno "chimico". Spero che i controlli siano sempre piu' intensi nelle varie aziende bio.
Il mio negozio di riferimento è Natura Si ma acquisto anche le linee bio dei supermercati in particolare coop.
Bio fa bene alla nostra salute ma anche alla nostra Terra.


Avatar utente Simona - 14 novembre 2019 15:45
Io non acquisto prodotti biologici, non credo che questi prodotti siano meglio di altri. Credo che c?è sempre qualcosa di non veritiero nei prodotti che si acquistano, sia biologici che non. Per avere la certezza di mangiare cose salutari è avere la possibilità di coltivare e allevare il più possibile ,le cose che consumiamo, da noi stessi. Oppure rifornirsi dai contadini locali.


Avatar utente Tiziana - 14 novembre 2019 17:19
acquisto saltuariamente prodotti biologici in quanto solitamente coltiviamo un piccolo orto con verdure stagionali ed abbiamo anche alcuni alberi, per il resto cerchiamo di comprare direttamente dai produttori o piccoli mercati rionali privilegiando chi conosciamo e sapendo come viene coltivato, apprezziamo la natualita, meglio un frutto con delle macchioline ma senza pesticidi . credo sia importante nutrirsi di cose sane ma il mercato se ne approfitta proprio perchè i prezzi sono piu alti ed offrendo comunque prodotti che non lo sono perchè siamo i primi a non esser informati o le etichette sono fuorvianti, come quelle della carne o pesce che vengono stallati per un tot in una zona e si afferma provengano da li, mossa poco seria.


Avatar utente Rosangela - 14 novembre 2019 17:46
Non mi fido a priori dei prodotti biologici con regolare etichetta perciò se voglio mangiar sano senza spendere cifre esagerate preferisco recarmi al negozio di fiducia che vende prodotti a km. 0. Anche se non garantisce certificazione biologica so almeno che si tratta di prodotti locali. Questo soprattutto per ciò che riguarda frutta, verdura, carne e latticini.


Avatar utente Monica - 14 novembre 2019 18:14
Purtroppo penso che il biologico in assoluto non possa essere prodotto, il commercio ha come principio, quello di inserire nel mercato un prodotto di qualità a tutti gli effetti, quindi questo prodotto va trattato con qualche adittivo ecc, per la sua durata e conservazione. Per questo la parola biologica è per me un utopia. Cerco di acquistare il prodotto direttamente dal produttore, quando si parla di frutta e verdura, da agricoltori che lavorano bene nel loro settore, prodotti a KM 0.
E' giusto che molti prodotti chiamati biologici, ma che poi alla fine non lo sono, siano tolti dal commercio ecc, ma non è detto che un prodotto biologico sia comunque sinonimo di altissima qualità, e un prodotto non biologico sinonimo di prodotto non sano.
Secondo me ci devono essere determinati stardart e i produttori si devono adegguare, ma allo stesso tempo siamo nel 2019, non possiamo non usare per la conservazione dei cibi, dei prodotti di natura chimica. Certo il prodotto chimico va studiato e valutato, per questo penso che lo studio di questi conservanti e tutti gli altri componenti chimici vadano studiati e migliorati, cosi possiamo avere un prodotto di qualità, anche se non totalmente biologico.


Avatar utente Alessandra - 14 novembre 2019 19:39
Si acquista sempre di più cibo biologico perché dovrebbe essere più sano,pulito e rispettoso per l ambiente. Per quanto riguarda la veridicità su un prodotto bio a parte la certificazione è molto difficile capire se è davvero bio o meno.personalmente acquisto pochi prodotti a marchio bio in quanto sono abbastanza cari preferisco acquistare frutta e verdura nel piccolo mercato della mia zona.


Avatar utente Giancarlo - 14 novembre 2019 21:52


Avatar utente Giancarlo - 14 novembre 2019 21:55
Buonasera, acquisto sempre di più i prodotti freschi a chilometro zero e/o biologici. Prima di tutto hanno un altro sapore rispetto agli stessi prodotti venduti nei supermercati, ad esempio lo yogurt lo ritengo molto più buono e salutare, così le verdure, il pane, e molti altri prodotti. Spesso poi ci sono i prodotti bio in offerta, quindi non è vero che i prezzi sono più cari rispetto ai prodotti venduti negli iper e supermercati. Provare per credere-


Avatar utente Matteo - 14 novembre 2019 22:11
acquistare prodotti biologici è umanamente salutare sia per la singola persona sia per l ambiente. io cerco sempre di comprare biologico ma sinceramente non mi fido molto, perchè avendo origini contadine riesco a valutare i prezzi giusti per avere un prodotto sano. purtroppo quando acquisto prodotti biologici mi fido delle etichette e certificazioni, restando comunque un po critico. alla fine penso che il consumo maggiore sia segno di maggiore sensibilità per la propria salute e quella del pianeta, e non della moda del momento.


Avatar utente Fabio - 15 novembre 2019 08:31
Anch'io, come scritto da molti, ritengo che i prodotti biologici costino troppo e non ci sia la garanzia che siano effettivamente tali: troppe etichette ed enti di certificazione di cui non mi fido, perchè non so chi sono nè chi li controlla. Preferisco anche io comprare dai produttori locali o dai contadini della zona, nei mercati che vengono organizzati in città. Forse non saranno veramente biologici ma almeno sono più saporiti e vedo in faccia chi li coltiva.


Avatar utente Daniela - 15 novembre 2019 15:04
Non sono mai stata una persona "fissata" con i prodotti biologici, proprio perché temevo le truffe di cui riportate la notizia in questo articolo. Ho sempre sospettato che questo "mondo biologico" rappresentasse solo un modo per vendere ai consumatori dei prodotti a prezzi più alti rispetto alla media , senza che questo incremento fosse giustificato da un reale "controllo" aggiuntivo sulla filiera e sulle materie prime utilizzate. Proprio questo mio scetticismo mi ha portato a disinteressarmi in gran parte di tutto l'universo delle certificazioni "bio" , riguardo al quale confesso di essere abbastanza ignorante. Spero che in futuro l'impegno, la trasparenza e l'onestà delle aziende mi portino a essere più ottimista e ad abbattere i pregiudizi (per il momento avvalorati) che ho.


Avatar utente Stefania - 16 novembre 2019 09:23
Sono consapevole della iperproduzione di prodotti biologici ed effettivamente, data la notevole pubblicità che se ne fa, sono sempre più indotta al loro acquisto. Purtroppo, però, i loro prezzi sono ancora molto elevati perciò non sono particolarmente indotta al loro acquisto.
Ho anche spesso sentito che alcune produzioni che dovrebbero essere bio in realtà non lo sono perché magari le aziende sono situate all'estero dove i controlli sono meno efficaci e rispondono a differenti normative.


Avatar utente Rosangela - 16 novembre 2019 16:58
La mia famiglia è di origine contadina, sono abituata a mangiare biologico e autoprodotto. Da quando però mi sono trasferita in un'altra regione e non ho la possibilità di produrre, tendo spesso ad acquistare biologico, mi affido alle grandi catene di supermercati perchè penso ci sia una filiera controllata. Purtroppo non sapevo di queste truffe sul biologico...
So che la certificazione di azienda che produce prodotti biologici in realtà è una autocertificazione, aderendo ad una specie di associazione. In pratica si acquista il bollino "biologico", anche se formalmente ci sono dei requisiti da soddisfare.
Quindi nella pratica le cose di cui ho la certezza che siano biologiche sono quelle autoprodotte o di quelle aziende agricole di cui conosco personalmente i proprietari.


Avatar utente Mariangela - 16 novembre 2019 20:48
Ovvio che il termine "biologico" faccia pensare a qualcosa di naturale, senza uso di pesticidi, o trattamenti chimici, diserbanti, ECC. Purtroppo è quasi impossibile questa condizione. Vivo in campagna e so per esperienza che la frutta ormai tenta di produrre, ma vari insetti e malattie rendono impossibile il raccolto senza trattamenti, è così anche per le verdure. Si può avere qualcosa di meno trattato, magari senza diserbanti per le erbe infestanti, ma totalmente biologico è impossibile, anche solo per i tanti veleni contenuti nell'aria che si scaricano con la pioggia. Solo conoscendo personalmente i produttori ci si può avvicinare. Il mondo deve ancora cambiare molto prima di avere una coscienza etica.


Avatar utente Alessandra - 17 novembre 2019 12:08
Ero a conoscenza di alcune truffe legate al biologico, per questo cerco di stare sempre molto attenta quando decido di acquistare un prodotto bio. Tuttavia, leggere solo l'etichetta non mi tutela completamente perché devo fidarmi di ciò che mi viene comunicato. Sono anche consapevole che il prodotto biologico assoluto, probabilmente, non esiste se non per i raccolti autoprodotti e destinati a pochissimi consumatori, magari solo la propria famiglia. Proprio perché sarebbe impossibile garantire la buona riuscita della coltura senza utilizzare almeno una piccola quantità di agenti capaci di combattere le infestazioni degli insetti. Nel mio piccolo, vivendo in una provincia ricca di aziende agricole, cerco di comprare quanto più possibile a km0.


Avatar utente Rosa - 17 novembre 2019 15:29
Ho notato sempre di più la presenza di offerte proposte nei supermercati di prodotti marchiati bio. La vogli di mangiare sano sia l'auspicio di tutti noi. Ho acquistato all'inizio molti prodotti bio anche se costassero molto di più dai normali. Negli ultimi mesi , per via di alcuni report che mostravano che quello indicato sull'edichetta era solo sulla carte e podo di reale, ho ridotto i loro acquisti.


Avatar utente Antonietta - 17 novembre 2019 21:45
io acquisto quasi tutto biologico ma non nelle grandi catene ma dal contadino direttamente, si vede la differenza, quando compro ad esempio l'insalata nel mio contadino di fiducia anche 10 giorni dopo è ancora fresca , se la compro in un fruttivendolo dopo 2 giorni ne devo buttare metà, come anche le altre verdure


Avatar utente Valentina - 18 novembre 2019 12:46
A volte acquisto prodotti biologici altre no, dipende dalla tipologia e dalle offerte in corso, purtroppo non mi fido molto sulla effettiva caratteristica bio dei prodotti in vendita. Spesso mi fido del marchio ViviVerde coop in quanto so quanto sono attenti ai controlli qualitativi dei prodotti.
Le truffe che sono uscite fuori non mi stupiscono.


Avatar utente Stefania - 19 novembre 2019 14:33
Mi capita ogni tanto di acquistare prodotti biologici ma trovo che ormai il biologico sia diventato una sorta di moda in Italia e che quindi molti non conoscano effettivamente il significato del termine ma semplicemente seguano la massa. Ovviamente anche la parola di per sè rimanda ad un qualcosa di salutare e genuino e che quindi attira molta gente.
Per poter far fronte alla truffe sicuramente mi affiderei a quei prodotti che presentino il bollino di un ente che attesti che il prodotto è biologico. Ovviamente questi prodotti risulteranno più cari rispetto ad altri perchè ottenere una certificazione è una spesa non indifferente.
C'è da dire che comunque alcuni prodotti presentano prezzi esorbitanti e a volte trovo veramente assurdo che si faccia pagare così tanto per dei prodotti che la terra ci offre così come sono senza aggiunta di sostanze chimiche o altro.


Avatar utente Lucia - 20 novembre 2019 10:32
Secondo me, come tutte le tendenze, le aziende hanno cavalcato quella del cibo biologico profittando di consumatori spesso incolpevolmente "ignoranti" che si limitano a semplici dicotomie (biologico = migliore, più sano) senza approfondire. Dubito che molti di quelli che acquistano un prodotto biologico sappiano davvero cosa significa questa parola, cosa identifica, quali valori incorpora.Ed è per questo che sono aumentate le truffe. La trasparenza dovrebbe essere uno dei valori incaranti dalle aziende che producono prodotti bio, che vogliono che tu sappia nel dettaglio perchè quel prodotto rientra in questo standard.Non basta un bollino o una dicitura, il biologico è un percorso fatto di tappe, di procedimenti e procedure che interessano il prodotto dalla sua produzione/coltivazione sino alla sua immissione sul mercato. Io acquisto prodotti "bio", per disparate motivazioni, ma mi affido solo alle aziende che operano sul mercato da anni, che hanno evidenze motivazionali e pratiche della loro filosofia bio e dei processi dei prodotti. Acquisto anche molti cosmetici biologici. Ci sono diverse certificazioni e mi sono debitamente documentata per capire quali di esse sono stringenti e complete nei controlli, e cosa effettivamente vanno a certificare. Certo, purtroppo noi consumatori siamo all'oscuro di molte cose e il nostro potere è quello dell'informazione. Non possiamo semplicemente prendere da uno scaffale e portare a casa. Possiamo fidarci delle aziende e dei rivenditori, certo, ma abbiamo l'onere di metterci qualcosa di nostro se vogliamo davvero compiere scelte consapevoli. In molti casi, infatti, è abbastanza facile "sgamare" delle situazioni ambigue, in altri purtroppo no. Informare e informarsi è un dovere.


Avatar utente Ilaria - 21 novembre 2019 21:29
L’ argomento è spinoso perché tutti siamo alla ricerca di prodotti sani e sempre più il biologico entra nelle nostre case. Io purtroppo non ho la capacità di riconoscerlo dalla sola etichetta ma in buona fede acquisto i prodotti bio che trovo al supermercato


Avatar utente Francesco - 23 novembre 2019 19:53
Non acquisto prodotti biologici: sono troppo cari per le mie finanze e (da quanto si evince dall'articolo) non è neppure certo che siano tali! (il settore è pieno di frodi).

Ho partecipato anche a conferenze in cui veniva detto che la mole di prodotti biologici presenti oggi sugli scaffali di tutta Italia (e di tutto il mondo), che ha raggiunto un livello INDUSTRIALE (per rispondere alla domanda crescente), non è compatibile con gli effettivi campi e allevamenti che sono certificati "di agricoltura biologica".
Quindi la domanda è: "Da dove viene tutto questo biologico?!?"

Inoltre: facciamo conto che una ditta usi veramente un metodo di coltivazione biologico nei suoi campi (per produrre i suoi prodotti)... che mi rappresenta questo "sforzo" da parte sua, se poi i terreni adiacenti ad esso sono coltivati coi metodi "normali"? ... se l'aria è inquinata dalle polveri sottili? ... se magari la falda acquifera sottostante è inquinata?, ecc.?

Cioè: la natura non è a "compartimenti stagni".
Non puoi pensare di isolare un pezzo di terra (il tuo) e dire che quello è "sano" e "incontaminato", mentre tutto intorno a te la gente inquina, usa pesticidi, diserbanti chimici, ecc. ... Inevitabilmente, indirettamente, anche il tuo terreno risentirà delle azioni che avvengono nei campi affianco al tuo (non puoi isolare il sottosuolo, non puoi isolare l'aria, ecc.).
Inoltre: gli animali, gli insetti impollinatori, ecc... non è che stanno a distinguere tra biologico e non biologico: essi volano di fiore in fiore, raccolgono semi, li spostano da una parte all'altra... e inevitabilmente anche loro contribuiscono a mischiare coltivazioni bio e non-bio.

Quindi, campi che siano bio al 100% e senza contaminazioni è veramente difficile che si riesca a realizzare al giorno d'oggi.

Infine, a séguito di queste tendenze salutistiche, di fare distinguo tra ciò che è di "classe A" e ciò che è di "classe B", ecc... a mio parte il rischio maggiore è che, pian piano, col passare dei decenni... consolidandosi sempre più nella testa delle persone e dell'opinione pubblica il concetto "bio = migliore = più sano", si giunga, prima o poi, al ragionamento opposto, ovvero: che non sarà più il "bio" ad essere migliore del "normale", ma che diventi tollerabile che il prodotto "normale" sia di pessima qualità e/o che addirittura possa far male alla salute! (estremizzando il concetto!).

es:
- "eh sì... però hai mangiato il prodotto "normale"! ... te la sei cercata!"

Cioè... non so se sono riuscito a spiegarmi: si "ribalta la frittata" e nella concezione delle persone non è più il "bio" ad essere "migliore", ma si finirà con l'accettare che "tutto il resto che non è bio" è insalubre e potrebbe far male (e il "bio" diventerà il "nuovo normale" ... se vuoi star bene!).

Io per esempio, negli anni 90, 2000, compravo i "limoni normali" ed era normalissimo usare la scorza grattuggiata di questi per fare preparazioni (tutti usavano i limoni normali per grattugguare le scorze)... oggi, invece, si è già insinuata nelle "menti della collettività" che - qualora si voglia utilizzare la scorza - allora rigorosamente occorre procurarsi i "limoni bio", perché la scorza di quelli normali non è buona / è velenosa.
Conseguentemente all'acquisizione "collettiva" di questo concetto, anche i coltivatori, poi, si sentiranno in diritto di "avvelenare" sempre di più le scorze (senza ritegno), perché tanto, ormai, tutti sanno che le scorze di quelli "normali" non sono buone, ecc... insomma: è un circolo vizioso!

Ebbene: il rischio è che, un passo alla volta, e tutto quanto subirà lo stesso processo delle scorze di limone.... e la gente tenderà ad accettare che il prodotto "normale" faccia male.

Invece NO: le scorze del mio limone "normale" dovebbero continuare ad essere commestibili come lo sono sempre state!! ... semmai dovrebbero essere le scorze del limone BIO, che dovrebbero essere "migliori"... ma assolutamente non dovrebbe essere tollerabile che, anziché alzarsi la qualità del "bio", si abbassi quella del "normale" (al fine di continuare ad avere il concetto "bio = migliore").

Estremizzando il concetto, il rischio di un ipotetico scenario futuro è proprio questo:
- i poveri si nutriranno con prodotti isalubri che li faranno morire prima.
- chi se lo può permettere, invece, mangerà "bio" (ovvero: prodotti che non fanno male).

è una visione un po' pessimistica, ma io temo proprio che succederà qualcosa del genere.

Per quanto riguarda il riconosce le certificazioni: sì, sono in grado di riconosce i loghi e i simboli che certificano un prodotto BIO.
Come dicevano altri utenti prima di me: l'etichetta rimane l'unico mezzo per poter identificare un prodotto bio ed occorre inevitabilmente affidarsi ad essa.
Se poi questa dice il falso non è colpa del consumatore.


Avatar utente Stefania - 18 dicembre 2019 22:35
Mi capita di acquistare biologico o almeno quello che viene "spacciato" per tale. Non mi fido per nulla delle etichette e questo studio ne è la prova. Spero sempre che non si giochi sulla salute delle persone ma purtroppo le mie attese sono sempre disilluse. Credo che la scritta "bio" sia più di facciata che reale nella maggior parte dei casi perché sarebbe utopico un mondo in cui nell'agricoltura non si fa uso di pesticidi, diserbanti e chi più ne ha più ne metta..e purtroppo l'essere umano è abituato a spremere e a voler ottenere l'impossibile da tutto, anche e soprattutto dall'agricoltura.


Avatar utente Daniela - 20 dicembre 2019 19:08
gli italiani sono incuriositi dal bio, specie perchè ultimamente sembra che sia una moda non tanto un concetto di vita o di produzione, ma effettivamente i prodotti bio sono ancora troppo cari per le tasche di tutti


Avatar utente Laura - 23 dicembre 2019 16:05
Personalmente acquisto biologico nei supermercati (frutta e verdura) solo se in offerta e comunque raramente perché il costo è elevato. Preferisco ricevere frutta e verdura da amici/parenti che hanno piccoli orti che gestiscono da soli senza l'uso di alcun pesticida. La farina biologica 00 o il riso raffinato biologico penso siano davvero un imbroglio nei confronti dei consumatori, il biologico ha senso se il prodotto non è raffinato.



Devi accedere per poter postare un commento.

PRIVACY POLICY E INFORMATIVA SULL’USO DEI COOKIE

Gentile Utente, 

i tuoi dati personali (nome/cognome, email) e qualsiasi altra informazione che potrai fornirci volontariamente via email e attraverso il form di contatto del sito https://www.sigmaconsulting.biz (“Sito”) saranno trattati per le finalità di seguito illustrate:

• evasione delle richieste di informazioni che ci hai inoltrato;

• svolgimento di studi e ricerche su base anonima inerenti alle visite e alla navigazione del Sito;

• invio di informazioni sulle nostre attività.  


I dati personali sono forniti su base volontaria e per il loro trattamento viene richiesto il tuo consenso. In caso di mancato conferimento del consenso non potremmo dare corso alle richieste inoltrate attraverso il form di contatto.


Il trattamento dei dati sarà effettuato in Italia da parte di nostri dipendenti, collaboratori e soggetti incaricati per attività di aggiornamento e manutenzione del Sito. I tuoi dati non saranno diffusi, né trasferiti verso Paesi extra UE.


I dati saranno trattati per il periodo necessario ad evadere la richiesta e fino a tua revoca per quanto riguarda l’invio di informazioni sulla nostra attività.


Relativamente ai dati personali, in ogni momento mediante semplice richiesta scritta indirizzata al Titolare, anche a mezzo email o tramite soggetto delegato, potrai (i) ottenere l'accesso ai dati personali per conoscere origine dei dati, finalità del trattamento, logica applicata al trattamento con uso di strumenti elettronici, categorie di dati, destinatari (o categorie di destinatari) ai quali gli stessi saranno comunicati, periodo di conservazione, e la loro comunicazione in una forma intellegibile; (ii) ottenere la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati o la limitazione del trattamento; (iii) opporti al trattamento dei tuoi dati personali; (iv) ottenere la portabilità dei dati, ove pertinente; (v) revocare il consenso in qualsiasi momento; (vi) proporre reclamo ad un'autorità di controllo.

Il sito fa utilizzo dei seguenti cookie:

Nome: october_session
Dominio: www.sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per la gestione degli accessi alle varie sezioni del sito

Nome: _gat_gtag_UA_98725341_1
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _gid
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 1 anno
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _ga
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 2 anni
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Come rimuovere i cookies da Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647
Come rimuovere i cookies da Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
Come rimuovere i cookies da Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Come rimuovere i cookies da Opera: https://help.opera.com/en/latest/web-preferences/#cookies

Titolare del trattamento:

Sigma  Consulting S.r.l.s., sede legale Pesaro (PU), Via del Cinema n. 5,  c.a.p. 61122; Tel.: 0721.415210, Fax: 0721.1622038, e-mail: info@sigmaconsulting.biz, P.E.C.: sigmaconsulting@gigapec.it;

Responsabile della Protezione dei Dati (DPO):

Avv. Silvia Dalle Nogare con domicilio in Via Battaglione Val Chiese, 10 - 36100 Vicenza c/o Pacta Avvocati Associati; Tel. 0444 564365, Fax 0444 280296, e-mail: silvia.dallenogare@pactavvocati.it, P.E.C.: silvia.dallenogare@ordineavvocativicenza.it.