Maschi contro femmine: non più. Il dibattito sui gender fluid


L’ultimo Festival di Sanremo, con buona pace di Diodato che ha trionfato nella gara canora, è stato il festival di Achille Lauro. Fregandosene, come recitava il testo della sua canzone, il cantante romano ha messo in scena delle performance chiacchieratissime. Al netto della tutina glitterata, del costume da Marchesa Casati Stampa e delle perle in stile Tudor, ciò che è sopravvissuto è il dibattito sulla sessualità controversa che trasudava dal personaggio. C’è chi lo ha paragonato a Renato Zero, chi a David Bowie al quale è stata dedicata una performance nella serata delle cover. Fatto sta che l’ex trapper ha cavalcato un’onda che in questi anni si infrange sugli stereotipi di genere, stravolgendoli e cercando di superarli.

Nel suo libro Io sono Amleto è lo stesso Lauro a spiegare la motivazione profonda alla base della sua fluidità di genere.

"Cinquantenni disgustosi, maschi omofobi. Ho avuto a che fare per anni con ‘sta gente volgare per via dei miei giri. Sono cresciuto con ‘sto schifo. Anche gli ambienti trap mi suscitano un certo disagio: l’aria densa di finto testosterone, il linguaggio tribale costruito, anaffettivo nei confronti del femminile e in generale l’immagine di donna oggetto con cui sono cresciuto. Sono allergico ai modi maschili, ignoranti con cui sono cresciuto. Allora indossare capi di abbigliamento femminili, oltre che il trucco, la confusione di generi è il mio modo di dissentire e ribadire il mio anarchismo, di rifiutare le convenzioni da cui poi si genera discriminazione e violenza. Sono fatto così mi metto quel che voglio e mi piace: la pelliccia, la pochette, gli occhiali glitterati sono da femmina? Allora sono una femmina. Tutto qui? Io voglio essere mortalmente contagiato dalla femminilità, che per me significa delicatezza, eleganza, candore. Ogni tanto qualcuno mi dice: ma che ti è successo? Io rispondo: “Sono diventato una signorina”.

Il dibattito

Achille lauro gender fluid.png

Tra sostenitori e detrattori del giovane artista, il dibattito sugli stereotipi di genere e sul superamento delle convenzioni non smette di infiammare giornali e salotti televisivi. La mascolinità di cui parla Achille Lauro è figlia di un rifiuto della violenza sulle donne e delle disparità di genere. No, dunque, a ostentazioni testosteroniche e a sciocche e superate rivendicazioni di superiorità sulle donne. Altrettanto chiacchierato il bacio che il cantante e il chitarrista Boss Doms si sono scambiati durante una performance, spiazzando chi pensa che ci sia una netta distinzione tra eterosessuali ed omosessuali. Entrambi i musicisti, infatti, sono dichiaratamente eterosessuali ma in quest’occasione hanno impugnato la definizione di gender fluid, sentendosi in diritto di non identificarsi con una categoria prestabilita.

Gender fluid: cosa significa?

La cosiddetta fluidità di genere è la non identificazione con i tradizionali generi maschile e femminile. Lo psicoterapeuta e sessuologo Fabrizio Quattrini spiega: “Molti giovanissimi non sentono di uniformare la propria identità di genere col concetto binario socialmente considerato normale [...] I giovanissimi stanno a mio avviso sperimentando con fatica la libertà di essere se stessi a prescindere dagli schemi e stereotipi di genere rinforzati dalla società”. Il discorso, dunque, si discosta spesso da quello di disforia di genere, alla base di percorsi di transizione parziali o completi. Largo, invece, alla sperimentazione e alla mescolanza tra simboli che finora sono appartenuti esclusivamente all’uno o all’altro genere.

A chi prova ad identificare questa “nuova” condizione con l’omosessualità, la bisessualità o la pansessualità, i gender fluid rispondono che l’essere umano è troppo complesso per essere costretto ad una scelta tra due sole strade, spesso del tutto divergenti. Tanti gli aspetti della personalità e dell’identità, esteriore ma soprattutto interiore, che i gender fluid vogliono sentirsi liberi di esprimere senza perciò essere giudicati. Non disponiamo, al momento, di numeri che ci permettano di inquadrare il fenomeno, soprattutto in Italia. Ma ciò che sappiamo è che la città italiana in cui i giovani si sentono più liberi di esprimere se stessi è Milano. In questo articolo di Open, una ragazza di nome Marta confessa di vedere in Milano un luogo di libertà e che nel resto d’Italia c’è ancora molto da fare in tal senso. Un altro ragazzo, Marcello, afferma: “A Trani non mi posso mica mettere la pelliccia! Eppure un pezzo di tessuto è un pezzo di tessuto. Non ci sono tessuti da uomini e da donne”.

La risposta dal mondo della moda

man-standing-on-stage-1396115.jpg

Da sempre portavoce dei fermenti culturali del proprio tempo, il mondo della moda non ha fatto attendere la sua risposta. I profumi sono stati i primi ad essere liberati dell’etichetta maschile/femminile, uno tra tutti Everyone di Calvin Klein. A chi storce il naso, stilisti e profumieri rispondono che distinguere i profumi tra maschili e femminili è assurdo quanto dividere i cibi per genere. Ciò che rende maschili e femminili le fragranze sono le pubblicità e le operazioni di marketing che vengono loro costruiti intorno.

Non mancano le collezioni di abbigliamento agender o gender fluid. Se i tentativi di lanciare la moda unisex dagli anni Settanta in poi sono stati accusati di banalità e poco coraggio, gli stilisti dei giorni nostri non hanno paura di osare. Burberry propone camicie di pizzo da indossare con la cravatta, Louis Vuitton sceglie la gonna per un suo testimonial, i tessuti e le strutture si mescolano e perdono la loro connotazione di genere.

Tu cosa ne pensi? Sostieni che sia necessaria una netta distinzione tra maschile e femminile o ritieni che ognuno sia libero di esprimere le proprie caratteristiche sia maschili che femminili senza per forza identificarsi in un genere escludendo l’altro? Dicci la tua opinione nei commenti.

Pubblicato in Lifestyle il 21 febbraio 2020 alle 12:00

Commenti


Devi accedere per poter postare un commento.

PRIVACY POLICY E INFORMATIVA SULL’USO DEI COOKIE

Gentile Utente, 

i tuoi dati personali (nome/cognome, email) e qualsiasi altra informazione che potrai fornirci volontariamente via email e attraverso il form di contatto del sito https://www.sigmaconsulting.biz (“Sito”) saranno trattati per le finalità di seguito illustrate:

• evasione delle richieste di informazioni che ci hai inoltrato;

• svolgimento di studi e ricerche su base anonima inerenti alle visite e alla navigazione del Sito;

• invio di informazioni sulle nostre attività.  


I dati personali sono forniti su base volontaria e per il loro trattamento viene richiesto il tuo consenso. In caso di mancato conferimento del consenso non potremmo dare corso alle richieste inoltrate attraverso il form di contatto.


Il trattamento dei dati sarà effettuato in Italia da parte di nostri dipendenti, collaboratori e soggetti incaricati per attività di aggiornamento e manutenzione del Sito. I tuoi dati non saranno diffusi, né trasferiti verso Paesi extra UE.


I dati saranno trattati per il periodo necessario ad evadere la richiesta e fino a tua revoca per quanto riguarda l’invio di informazioni sulla nostra attività.


Relativamente ai dati personali, in ogni momento mediante semplice richiesta scritta indirizzata al Titolare, anche a mezzo email o tramite soggetto delegato, potrai (i) ottenere l'accesso ai dati personali per conoscere origine dei dati, finalità del trattamento, logica applicata al trattamento con uso di strumenti elettronici, categorie di dati, destinatari (o categorie di destinatari) ai quali gli stessi saranno comunicati, periodo di conservazione, e la loro comunicazione in una forma intellegibile; (ii) ottenere la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati o la limitazione del trattamento; (iii) opporti al trattamento dei tuoi dati personali; (iv) ottenere la portabilità dei dati, ove pertinente; (v) revocare il consenso in qualsiasi momento; (vi) proporre reclamo ad un'autorità di controllo.

Il sito fa utilizzo dei seguenti cookie:

Nome: october_session
Dominio: www.sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per la gestione degli accessi alle varie sezioni del sito

Nome: _gat_gtag_UA_98725341_1
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _gid
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 1 anno
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _ga
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 2 anni
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Come rimuovere i cookies da Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647
Come rimuovere i cookies da Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
Come rimuovere i cookies da Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Come rimuovere i cookies da Opera: https://help.opera.com/en/latest/web-preferences/#cookies

Titolare del trattamento:

Sigma  Consulting S.r.l.s., sede legale Pesaro (PU), Via del Cinema n. 5,  c.a.p. 61122; Tel.: 0721.415210, Fax: 0721.1622038, e-mail: info@sigmaconsulting.biz, P.E.C.: sigmaconsulting@gigapec.it;

Responsabile della Protezione dei Dati (DPO):

Avv. Silvia Dalle Nogare con domicilio in Via Battaglione Val Chiese, 10 - 36100 Vicenza c/o Pacta Avvocati Associati; Tel. 0444 564365, Fax 0444 280296, e-mail: silvia.dallenogare@pactavvocati.it, P.E.C.: silvia.dallenogare@ordineavvocativicenza.it.