Koala e canguri: li conosciamo davvero?


In questi giorni siamo stati bombardati da tristissime immagini relative agli incendi che hanno devastato importanti zone dell’Australia. Simboli della distruzione portata dai roghi sono stati le loro vittime più numerose: i koala e i canguri. Quelle che potevano essere definite vere e proprie oasi per queste preziose specie animali sono diventate trappole mortali per milioni di esemplari. La loro difficile condizione non è passata inosservata e, mentre la situazione incendi sembra diventare più gestibile, è iniziata la corsa alla solidarietà per questi animali indifesi.

New York, ad esempio, in questi giorni è stata letteralmente invasa da piccoli koala di peluche. Gli animaletti si possono trovare attaccati ai pali della luce, ai semafori e lungo i ponti. L’iniziativa, promossa dall’agenzia australiana Cummin & Partners, tende a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’emergenza che riguarda sì gli animali raffigurati, ma anche gli abitanti delle zone colpite e la vegetazione. La campagna è sfociata in una raccolta fondi che in pochi giorni ha già raccolto decine di migliaia di dollari che saranno investiti nella riabilitazione della fauna australiana.

Diversa e più concreta nell’immediato la soluzione che il governo dell’NSW ha trovato per aiutare i canguri, affamati e debilitati. Gli animali, con la missione Operation Rock Wallaby, sono stati nutriti attraverso una vera e propria pioggia di carote e patate lanciati dall’alto. Viveri e veterinari volontari possono raggiungere determinate zone, devastate dalle fiamme e quindi non praticabili, solo attraverso gli elicotteri, che vengono pertanto messi a disposizione dal governo.

Due specie protette

koala australia solidarietà.jpg

La devastazione dei roghi ha colpito in gran numero due specie di animali che erano già sotto osservazione da parte degli esperti. I koala soprattutto sono costantemente monitorati per il loro alto rischio di estinzione. Gli esemplari, purtroppo, si sono ridotti a soli novemila, molti dei quali ricoverati negli appositi centri di recupero. La riabilitazione degli animali sarà lunga e difficile, essendo stato distrutto circa l’80% del loro habitat naturale.

Curiosità sui koala

Questi animali dall’aspetto tenero e buffo, spesso chiamati koala bears nonostante abbiano davvero poco a che spartire con la famiglia degli orsi, hanno caratteristiche davvero singolari. Forse non ci capiterà mai di annusarli, ma se lo facessimo scopriremmo che profumano di eucalipto. Questo perché se ne cibano in grandissima quantità. L’eucalipto è la loro quasi unica fonte di sostentamento, addirittura i koala non bevono acqua se non quella contenuta nelle grandi foglie della pianta di cui vanno ghiotti. Per questo il loro nome, in lingua originale aborigena, significa “colui che non beve”.

Sono davvero così teneri?

I koala passano una grandissima parte delle loro giornata dormendo, il resto del tempo lo occupano mangiando eucalipto. Che lo amassero si era già capito. Nonostante il loro aspetto amichevole e la forma del muso che sembra quasi farli sorridere, i koala non sono assolutamente animali da compagnia. Sebbene in casi di estrema difficoltà si affidino ai volontari, giustificando le foto in cui ci appaiono vulnerabili e quasi coccoloni, questi animali sono impossibili da addomesticare. Se non si conoscono bene le loro caratteristiche e i loro comportamenti sarebbe dunque saggio non avvicinarli.

Ultima caratteristica, davvero singolare, sono le pieghe che l’animale presenta sui polpastrelli: sono così simili alle impronte digitali di un essere umano (e che nessun altro animale possiede) da essere difficilmente distinguibili al confronto.

Fatti e curiosità sui canguri

Il solo nome “canguro” non significa molto. Il termine si riferisce infatti ad oltre 60 specie della famiglia dei macropodidi (letteralmente “dai piedi grandi”, un nome più che azzeccato!). Negli ultimi monitoraggi prima degli incendi, gli esemplari in Australia erano così numerosi da superare la popolazione umana (20 milioni di esemplari contro 17), motivo per cui il canguro è diventato il simbolo dell’Australia per eccellenza.

Tutti noi abbiamo ben chiara in mente l’immagine della femmina di canguro che porta il cucciolo nel caratteristico marsupio. Ma pensateci: avete mai visto più di un cucciolo nello stesso marsupio? La risposta, che è sicuramente negativa, è dovuta ad una particolarità degli esemplari. In caso di parto gemellare, infatti, uno degli embrioni rimane “a riposo” finché il primo nato non è pronto per lasciare il marsupio. Il fenomeno si verifica anche in caso di più gemelli, che aspettano pazientemente il proprio turno.

Saltano ancora?

Un’altra immagine simbolo è quella del canguro che salta. Ma è un’inesattezza, o meglio un anacronismo. I canguri, infatti, in passato saltavano molto più di quanto non facciano oggi. La loro è stata un’evoluzione dovuta ai cambiamenti climatici dell’ultimo secolo in Australia. Abituati a saltare tra la vegetazione alta e fitta, gli animali hanno col tempo sviluppato una struttura ossea diversa, che permette salti meno frequenti ma più lunghi. In questo modo i canguri riescono ad attraversare più rapidamente vaste zone aride e raggiungono il cibo in minor tempo.

Tu cosa pensi della situazione australiana e di ciò che il mondo intero sta facendo per salvare queste preziose specie animali? Se ne avessi il potere, quale iniziativa promuoveresti per mostrare la tua solidarietà? Scrivilo nei commenti e condividi questo articolo sui social per sensibilizzare i tuoi amici.

Pubblicato in Curiosità il 22 gennaio 2020 alle 16:00

Commenti


Devi accedere per poter postare un commento.

PRIVACY POLICY E INFORMATIVA SULL’USO DEI COOKIE

Gentile Utente, 

i tuoi dati personali (nome/cognome, email) e qualsiasi altra informazione che potrai fornirci volontariamente via email e attraverso il form di contatto del sito https://www.sigmaconsulting.biz (“Sito”) saranno trattati per le finalità di seguito illustrate:

• evasione delle richieste di informazioni che ci hai inoltrato;

• svolgimento di studi e ricerche su base anonima inerenti alle visite e alla navigazione del Sito;

• invio di informazioni sulle nostre attività.  


I dati personali sono forniti su base volontaria e per il loro trattamento viene richiesto il tuo consenso. In caso di mancato conferimento del consenso non potremmo dare corso alle richieste inoltrate attraverso il form di contatto.


Il trattamento dei dati sarà effettuato in Italia da parte di nostri dipendenti, collaboratori e soggetti incaricati per attività di aggiornamento e manutenzione del Sito. I tuoi dati non saranno diffusi, né trasferiti verso Paesi extra UE.


I dati saranno trattati per il periodo necessario ad evadere la richiesta e fino a tua revoca per quanto riguarda l’invio di informazioni sulla nostra attività.


Relativamente ai dati personali, in ogni momento mediante semplice richiesta scritta indirizzata al Titolare, anche a mezzo email o tramite soggetto delegato, potrai (i) ottenere l'accesso ai dati personali per conoscere origine dei dati, finalità del trattamento, logica applicata al trattamento con uso di strumenti elettronici, categorie di dati, destinatari (o categorie di destinatari) ai quali gli stessi saranno comunicati, periodo di conservazione, e la loro comunicazione in una forma intellegibile; (ii) ottenere la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati o la limitazione del trattamento; (iii) opporti al trattamento dei tuoi dati personali; (iv) ottenere la portabilità dei dati, ove pertinente; (v) revocare il consenso in qualsiasi momento; (vi) proporre reclamo ad un'autorità di controllo.

Il sito fa utilizzo dei seguenti cookie:

Nome: october_session
Dominio: www.sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per la gestione degli accessi alle varie sezioni del sito

Nome: _gat_gtag_UA_98725341_1
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _gid
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 1 anno
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _ga
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 2 anni
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Come rimuovere i cookies da Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647
Come rimuovere i cookies da Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
Come rimuovere i cookies da Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Come rimuovere i cookies da Opera: https://help.opera.com/en/latest/web-preferences/#cookies

Titolare del trattamento:

Sigma  Consulting S.r.l.s., sede legale Pesaro (PU), Via del Cinema n. 5,  c.a.p. 61122; Tel.: 0721.415210, Fax: 0721.1622038, e-mail: info@sigmaconsulting.biz, P.E.C.: sigmaconsulting@gigapec.it;

Responsabile della Protezione dei Dati (DPO):

Avv. Silvia Dalle Nogare con domicilio in Via Battaglione Val Chiese, 10 - 36100 Vicenza c/o Pacta Avvocati Associati; Tel. 0444 564365, Fax 0444 280296, e-mail: silvia.dallenogare@pactavvocati.it, P.E.C.: silvia.dallenogare@ordineavvocativicenza.it.