Da George Floyd al movimento Black Lives Matter, in breve


8 minuti e 46 secondi. Non sembra molto, ma è l’interminabile intervallo di tempo in cui un poliziotto di Minneapolis ha tenuto il suo ginocchio premuto sul collo dell’ormai tristemente noto George Floyd, causandone la morte.

Chi era George Floyd, e perché la sua morte ha scatenato un’inarrestabile ondata di proteste che stanno infiammando gli Stati Uniti e che promettono di scuotere le coscienze del mondo intero?

George Floyd: chi era

George Floyd viene dipinto come un gigante buono, una persona con la passione per lo sport e un innato agonismo sul campo, ma schivo e riservato nella vita privata. Afroamericano, Floyd aveva 46 anni, era cresciuto a Houston e si era trasferito a Minneapolis per lavoro, dove aveva una fidanzata di nome Courteney. Una vita burrascosa, la sua, nella quale figuravano anche diversi arresti per possesso di droga, furti e rapine. Sono poche e frammentarie le informazioni che abbiamo sulla vita che Floyd conduceva al momento del suo arresto, ciò che sappiamo è che il 25 maggio l’afroamericano è stato fermato per falsificazione di denaro. Derek Chauvin, il poliziotto che si è occupato del suo arresto, ha ammanettato il 46enne e ha premuto un ginocchio sul suo collo, per tenerlo bloccato, per 8 minuti e 46 secondi, causandone il decesso per asfissia. L’autopsia, che è stata resa pubblica qualche giorno dopo la morte, parla di arresto cardio-circolatorio. Diversi i video che hanno immortalato la scena, facendo emergere l’ennesimo caso di quello che è stato definito un abuso di potere da parte delle forze di polizia.

L’inizio delle proteste

Dalla città di Minneapolis, dove si è consumata la tragedia che ha portato alla morte dell’afroamericano, sono partiti i primi cortei di protesta scatenati dall’indignazione legata alla diffusione del video che ritraeva Floyd nei suoi ultimi istanti di vita. Le azioni di Chauvin, il quale è stato incriminato per omicidio volontario, sono state considerate un gesto razzista. L’eccessiva violenza che l’agente ha usato durante le fasi dell’arresto è stata interpretata come un attacco ingiustificato appositamente portato avanti contro una persona di origine afroamericana. Floyd diventa dunque il simbolo di una violenza che da anni viene perpetrata ai danni della popolazione afroamericana sotto gli occhi di tutti.

I precedenti non erano incoraggianti: nel corso del 2019 negli Stati Uniti sono state più di mille le persone uccise da agenti di polizia. Il 24% di loro era afroamericano, si parla di più di una vittima al giorno per l’intero anno. Nessun poliziotto è mai stato incriminato per questo, tanto che la condanna di Chauvin rappresenta una vera eccezione.

“I can’t breathe” è il grido di protesta che si è alzato nelle strade di Minneapolis prima, poi di tutti gli Stati Uniti. “Non riesco a respirare”, come diceva Floyd negli ultimi attimi di vita mentre l’agente di polizia non accennava a diminuire la pressione sul suo collo.

black lives matter.jpg

Il movimento Black Lives Matter

Letteralmente: “le vite dei neri contano”, è lo slogan della crescente ondata di proteste a tema antirazzista. Il movimento attivista internazionale nasce in realtà nel 2013, ma in questi giorni è prepotentemente tornato alla ribalta riuscendo addirittura a mettere in ombra argomenti come il Covid-19. Gli attivisti sono impegnati nella lotta contro il razzismo verso le persone nere, protestano dunque contro gli omicidi dei neri da parte della polizia e contro la disuguaglianza razziali nel nel sistema giuridico degli Stati Uniti.

Alle proteste si sono unite moltissime celebrità e una grande quantità di sportivi. Nella giornata del 2 giugno i social network si sono riempiti di quadrati neri, gesti simbolici di vicinanza al movimento di protesta nell’ambito dell’iniziativa “Blackout Tuesday”.

Dopo più di dieci giorni di cortei e proteste, che si sono fatti man mano meno rabbiosi e più pacifici, l’ondata di antirazzismo sembra star investendo gradualmente altre parti del mondo, in particolare l’Italia e l’Europa. Grazie alla risonanza che gli eventi di protesta hanno avuto a livello internazionale attraverso i social, il movimento di protesta pacifica ha organizzato eventi e cortei anche a Torino, Roma, Milano e altre città.

Cosa pensi delle proteste che stanno infiammando l’America? Credi che anche in Italia ci sia bisogno di una presa di posizione antirazzista? Dicci la tua nei commenti.

Pubblicato in Cultura il 10 giugno 2020 alle 10:00

Commenti


Devi accedere per poter postare un commento.

PRIVACY POLICY E INFORMATIVA SULL’USO DEI COOKIE

Gentile Utente, 

i tuoi dati personali (nome/cognome, email) e qualsiasi altra informazione che potrai fornirci volontariamente via email e attraverso il form di contatto del sito https://www.sigmaconsulting.biz (“Sito”) saranno trattati per le finalità di seguito illustrate:

• evasione delle richieste di informazioni che ci hai inoltrato;

• svolgimento di studi e ricerche su base anonima inerenti alle visite e alla navigazione del Sito;

• invio di informazioni sulle nostre attività.  


I dati personali sono forniti su base volontaria e per il loro trattamento viene richiesto il tuo consenso. In caso di mancato conferimento del consenso non potremmo dare corso alle richieste inoltrate attraverso il form di contatto.


Il trattamento dei dati sarà effettuato in Italia da parte di nostri dipendenti, collaboratori e soggetti incaricati per attività di aggiornamento e manutenzione del Sito. I tuoi dati non saranno diffusi, né trasferiti verso Paesi extra UE.


I dati saranno trattati per il periodo necessario ad evadere la richiesta e fino a tua revoca per quanto riguarda l’invio di informazioni sulla nostra attività.


Relativamente ai dati personali, in ogni momento mediante semplice richiesta scritta indirizzata al Titolare, anche a mezzo email o tramite soggetto delegato, potrai (i) ottenere l'accesso ai dati personali per conoscere origine dei dati, finalità del trattamento, logica applicata al trattamento con uso di strumenti elettronici, categorie di dati, destinatari (o categorie di destinatari) ai quali gli stessi saranno comunicati, periodo di conservazione, e la loro comunicazione in una forma intellegibile; (ii) ottenere la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati o la limitazione del trattamento; (iii) opporti al trattamento dei tuoi dati personali; (iv) ottenere la portabilità dei dati, ove pertinente; (v) revocare il consenso in qualsiasi momento; (vi) proporre reclamo ad un'autorità di controllo.

Il sito fa utilizzo dei seguenti cookie:

Nome: october_session
Dominio: www.sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per la gestione degli accessi alle varie sezioni del sito

Nome: _gat_gtag_UA_98725341_1
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _gid
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 1 anno
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _ga
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 2 anni
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Come rimuovere i cookies da Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647
Come rimuovere i cookies da Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
Come rimuovere i cookies da Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Come rimuovere i cookies da Opera: https://help.opera.com/en/latest/web-preferences/#cookies

Titolare del trattamento:

Sigma  Consulting S.r.l.s., sede legale Pesaro (PU), Via del Cinema n. 5,  c.a.p. 61122; Tel.: 0721.415210, Fax: 0721.1622038, e-mail: info@sigmaconsulting.biz, P.E.C.: sigmaconsulting@gigapec.it;

Responsabile della Protezione dei Dati (DPO):

Avv. Silvia Dalle Nogare con domicilio in Via Battaglione Val Chiese, 10 - 36100 Vicenza c/o Pacta Avvocati Associati; Tel. 0444 564365, Fax 0444 280296, e-mail: silvia.dallenogare@pactavvocati.it, P.E.C.: silvia.dallenogare@ordineavvocativicenza.it.