Com'è cambiato il carrello degli italiani al banco di prova di pandemia e guerra

Michela Morelli

L'emergenza sanitaria prima e la guerra in Ucraina poi hanno alimentato una crisi economica mondiale di grosse proporzioni. Mentre i consumi cominciavano a crescere, spinti dall'ottimismo della ripresa post-Covid, il conflitto alle porte dell'Europa ha spento gli entusiasmi e soffiato sul fuoco della crisi alimentare già innescata da quella climatica. Uno scenario catastrofico? Non per forza, o non del tutto. Ecco come stanno reagendo gli italiani.

Spesa online e pandemia

Il primo grande cambiamento nella spesa degli italiani è quello innescato dalla pandemia e soprattutto dai lockdown e dalle restrizioni per arginare la diffusione del Covid-19, e riguarda gli acquisti online. Questi sono infatti cresciuti del 14% smuovendo oltre 45 miliardi di euro. L'acquisto di alimenti e pasti online è cresciuto invece del 17%, complice l'impennata di offerta per quanto riguarda il delivery.

Se prima della pandemia gli italiani si sono mostrati un popolo tutto sommato tradizionalista, ancora legato all'acquisto in presenza e tendenzialmente diffidente nei confronti dei pagamenti online (soprattutto nella fascia d'età medio-alta), l'emergenza da Covid-19 ha spostato gli equilibri, facendo aumentare di quasi il 10% il numero di utenti pronti al pagamento con strumenti digitali.

maria-lin-kim-8RaUEd8zD-U-unsplash.jpg

I rincari causati dalla guerra

Aprile è stato un mese a dir poco drammatico per quanto riguarda l'inflazione in Italia. Ecco l'incremento di prezzi di alcuni generi alimentari rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso (per approfondimenti clicca qui):

  1. Olio di semi (girasole, mais, ecc.): +63,5%
  2. Farina: +17,2%
  3. Burro: +15,7%
  4. Pasta: 14,1%
  5. Carne di pollo: +12,2%
  6. Verdura fresca: +12%
  7. Frutti di mare: +10,2%
  8. Gelati: +9,5%
  9. Uova: +9,3%
  10. Pane: +8,4%

Complici, in questo scenario, gli aumenti subiti in prima battuta dall'agricoltura, come evidenzia uno studio del Crea: "si è registrato un +170% dei concimi, +90% dei mangimi, +129% per il gasolio con incrementi dei costi correnti di oltre 15.700 euro in media, ma con punte oltre 47mila euro per le stalle da latte e picchi fino a 99mila euro per gli allevamenti di polli".

Come cambia la spesa degli italiani

Quasi la metà degli italiani, vista la situazione attuale e non conoscendone gli sviluppi futuri, sceglie di puntare sulla prudenza. Il 45% dei consumatori concentra gli acquisti sui prodotti indispensabili ed è pronto a rinunciare a tutte le spese non essenziali, anteponendo la qualità alla quantità. Non manca, purtroppo, un 11% che, complice una congiuntura economica sfavorevole, deve effettuare tagli sia sulla quantità che sulla qualità.

Interessanti le riflessioni che Albino Russo, direttore generale dell’Associazione nazionale cooperative di consumatori (Ancc Coop) e responsabile dell’ufficio studi Coop, ha fatto al Sole 24 Ore, parlando della particolare situazione che si è creata nell'intersezione tra pandemia e guerra: "Se nel 2021 rispetto al 2019 le vendite nella Gdo sono cresciute del 4,7% circa in valore nel 2022 ci attendiamo un calo dell’1,5% dei volumi degli acquisti dovuto proprio alla maggiore propensione a consumatore il pasto fuori casa. [...] La prima reazione allo scoppio della guerra, di contro, è stata quella di micro-accaparramenti per fare scorte di cibo, ma è stato un fenomeno di breve durata. Adesso emerge soprattutto la preoccupazione e chi è preoccupato pone un margine agli acquisti. Si scivola verso il discount e si compra solo quello che ci si può permettere. Il consumatore si adegua ai rincari facendo la propria spending review e ristruttura la spesa sulla base del proprio budget."

gemma-stpjHJGqZyw-unsplash.jpg

Cosa conta per il consumatore italiano

Al netto di particolari condizioni economiche sfavorevoli, l'italiano continua a privilegiare la qualità degli alimenti, ma con una punta di prudenza in più.

A sorpresa, nonostante i rincari, l'Osservatorio Packaging del largo consumo di Nomisma rileva che la sostenibilità rimane uno dei principali driver di scelta di un prodotto alimentare per il 34% degli italiani, mentre il 28% è attento anche alla sostenibilità del packaging. Come riporta anche Repubblica (puoi leggere l'articolo completo qui) "questo trend di consumo è diventato particolarmente chiaro a partire dal 2019, con il 59% delle persone che presta più attenzione ai temi green, mosso da un senso di responsabilità verso le generazioni future (43%), contrastando gli sprechi e portando un risparmio e un vantaggio economico (30%). E infatti l’89% degli italiani adotta quotidianamente comportamenti per contenere gli sprechi idrici ed energetici, anche per via dell’aumento delle bollette."


Sigma Consulting

Indagini di mercato, Ricerche sociali, Insight per le decisioni

Via del cinema, 5 - 61122 Pesaro
+39 0721 415210
info@sigmaconsulting.biz

Sigma Consulting srls unipersonale – P. Iva 02625560418 - Capitale sociale € 2.000,00 i.v. - REA PS 196812 - Privacy Policy - Cookie Policy -