Smart working: dal coronavirus la dimostrazione del suo potenziale (e dei suoi limiti)


L’attuale emergenza della diffusione nel nostro Paese del nuovo coronavirus ha temporaneamente paralizzato il Nord Italia. Alcuni tra i più importanti poli produttivi della penisola, concentrati nell’area di Milano, sono stati costretti a chiudere i battenti fino a data da destinarsi, come effetto delle misure precauzionali contro la diffusione del contagio che sono state emanate in via eccezionale nei giorni scorsi.

Moltissime aziende, in risposta ai provvedimenti presi dai comuni più colpiti, si sono viste costrette a tenere a casa i propri dipendenti. Organizzazioni al di fuori delle zone rosse, per evitare i viaggi di andata e ritorno dagli uffici, hanno permesso al maggior numero possibile di lavoratori di darsi momentaneamente allo smart working. Il nuovo dl 23 febbraio 2020 n. 6 (misure urgenti sul coronavirus) pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale ha permesso di avviare il telelavoro con effetto immediato, senza necessità di precedenti accordi.

La situazione di crisi che ha costretto le aziende a prendere in considerazione il lavoro da remoto, quando possibile, ha fatto emergere una realtà che è troppo spesso ignorata. Moltissime organizzazioni, che finora non avevano mai sfruttato le potenzialità dello smartworking, sono oggi letteralmente salvate da questa possibilità. Tantissime attività, che non possono essere svolte online, conteranno purtroppo perdite che in altri casi sono quasi del tutto evitabili.

I vantaggi dello smart working

In questi giorni i vantaggi dello smart working sono sotto gli occhi di tutti: senza essere costretti a fare i pendolari e a frequentare luoghi affollati, i dipendenti sono quasi totalmente messi a riparo dal contagio da coronavirus, pur continuando a svolgere agevolmente le proprie attività lavorative. Il dibattito sul lavoro da remoto era tornato attuale in occasione del crollo del ponte Morandi, che aveva temporaneamente interrotto le principali vie di comunicazione della Liguria. Già allora ci si è chiesti se lavorare da casa potesse essere una soluzione da non limitare alle situazioni di emergenza.

Il telelavoro, indubbiamente, necessita non solo di una regolamentazione legale, ma anche di un cambiamento culturale e di un ripensamento delle logiche organizzative. Non ci si può improvvisare smart workers, insomma. Ma quando il modello funziona, i benefici non tardano ad arrivare. Oltre a riconfigurare i rapporti di responsabilità e leadership, lo smart working costringe l’azienda ad un aggiornamento continuo delle tecnologie e delle dinamiche di lavoro. Dimezza inoltre i tempi morti e rende la giornata lavorativa più breve ma potenzialmente più produttiva.

I limiti

Inutile dire che non tutte le attività possono pensare di passare allo smart working, seppur temporaneamente. Tutti i servizi che non viaggiano online sono momentaneamente bloccati e registreranno inevitabili perdite economiche. Molte organizzazioni che invece hanno la possibilità di sperimentare il lavoro da remoto si trovano ad affrontare difficoltà di vario genere.

Prima fra tutte, la tecnologia. Soprattutto nella gestione di dati personali e aziendali, le organizzazioni devono necessariamente dotarsi di strumenti e software adatti, cosa che potrebbe non avvenire in questi casi di emergenza e senza una precisa progettualità.

La responsabilità individuale e l’isolamento dai colleghi di lavoro possono inoltre rappresentare un vantaggio e al tempo stesso un limite per i livelli di produttività dei dipendenti. In questo possono intervenire le politiche aziendali e i percorsi di formazione messi in campo dalle organizzazioni.

Tu cosa ne pensi? Vivi in zone colpite dal virus e se sì, come stai affrontando la situazione? Raccontaci delle ripercussioni dell’emergenza sulla tua vita e sul tuo lavoro, ora più che mai la tua opinione ci sta a cuore.

Pubblicato in Lifestyle il 25 febbraio 2020 alle 16:00

Commenti


Devi accedere per poter postare un commento.

PRIVACY POLICY E INFORMATIVA SULL’USO DEI COOKIE

Gentile Utente, 

i tuoi dati personali (nome/cognome, email) e qualsiasi altra informazione che potrai fornirci volontariamente via email e attraverso il form di contatto del sito https://www.sigmaconsulting.biz (“Sito”) saranno trattati per le finalità di seguito illustrate:

• evasione delle richieste di informazioni che ci hai inoltrato;

• svolgimento di studi e ricerche su base anonima inerenti alle visite e alla navigazione del Sito;

• invio di informazioni sulle nostre attività.  


I dati personali sono forniti su base volontaria e per il loro trattamento viene richiesto il tuo consenso. In caso di mancato conferimento del consenso non potremmo dare corso alle richieste inoltrate attraverso il form di contatto.


Il trattamento dei dati sarà effettuato in Italia da parte di nostri dipendenti, collaboratori e soggetti incaricati per attività di aggiornamento e manutenzione del Sito. I tuoi dati non saranno diffusi, né trasferiti verso Paesi extra UE.


I dati saranno trattati per il periodo necessario ad evadere la richiesta e fino a tua revoca per quanto riguarda l’invio di informazioni sulla nostra attività.


Relativamente ai dati personali, in ogni momento mediante semplice richiesta scritta indirizzata al Titolare, anche a mezzo email o tramite soggetto delegato, potrai (i) ottenere l'accesso ai dati personali per conoscere origine dei dati, finalità del trattamento, logica applicata al trattamento con uso di strumenti elettronici, categorie di dati, destinatari (o categorie di destinatari) ai quali gli stessi saranno comunicati, periodo di conservazione, e la loro comunicazione in una forma intellegibile; (ii) ottenere la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati o la limitazione del trattamento; (iii) opporti al trattamento dei tuoi dati personali; (iv) ottenere la portabilità dei dati, ove pertinente; (v) revocare il consenso in qualsiasi momento; (vi) proporre reclamo ad un'autorità di controllo.

Il sito fa utilizzo dei seguenti cookie:

Nome: october_session
Dominio: www.sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per la gestione degli accessi alle varie sezioni del sito

Nome: _gat_gtag_UA_98725341_1
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _gid
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 1 anno
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _ga
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 2 anni
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Come rimuovere i cookies da Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647
Come rimuovere i cookies da Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
Come rimuovere i cookies da Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Come rimuovere i cookies da Opera: https://help.opera.com/en/latest/web-preferences/#cookies

Titolare del trattamento:

Sigma  Consulting S.r.l.s., sede legale Pesaro (PU), Via del Cinema n. 5,  c.a.p. 61122; Tel.: 0721.415210, Fax: 0721.1622038, e-mail: info@sigmaconsulting.biz, P.E.C.: sigmaconsulting@gigapec.it;

Responsabile della Protezione dei Dati (DPO):

Avv. Silvia Dalle Nogare con domicilio in Via Battaglione Val Chiese, 10 - 36100 Vicenza c/o Pacta Avvocati Associati; Tel. 0444 564365, Fax 0444 280296, e-mail: silvia.dallenogare@pactavvocati.it, P.E.C.: silvia.dallenogare@ordineavvocativicenza.it.