Il settore del fitness in Italia: com'è cambiato nell’ultimo anno?


Sembrava che questa seconda ondata di contagi avrebbe risparmiato palestre e piscine, invece ancora una volta gli impianti sportivi ad uso non agonistico hanno dovuto chiudere i battenti. La speranza di rimanere aperti era rimasta presente, seppur flebile, nella settimana durante la quale il governo aveva temporeggiato prima di annunciare le nuove misure restrittive. Adeguarsi alle norme di sicurezza per il contenimento dei contagi: era questo il compromesso. Ma una settimana evidentemente non è bastata, sebbene la stragrande maggioranza delle strutture fosse risultata a norma ai controlli delle ASL e il rischio di contagio bassissimo (1x1000).

Gli effetti della prima ondata

Durante il primo lockdown l’IFO (International Fitness Observatory) aveva diffuso previsioni foschissime: con una chiusura prolungata, il 77% delle strutture in Italia avrebbe chiuso, mettendo a rischio oltre duecentomila posti di lavoro.

La ricerca dell’IFO aveva evidenziato infatti che “il panorama delle palestre in Italia è composto per la maggioranza (59%) da piccoli club indipendenti, solo il 12% appartiene a catene e quasi il 3% in franchising. Il restante 28% è formato da piccoli studi di yoga, pilates, ecc.” Lapalestra.it si è chiesta, alla luce di questi dati, quanto potessero resistere i Club in una situazione di lockdown.

“Se la situazione è difficile per tutti, la capacità economica di poter resistere è differente: il 22% dichiarava di avere autonomia per 1 mese. In 2 mesi il 61% riteneva di non avere le forze economiche per superare la crisi. Il 77,3% dei Club pensava di non farcela in 3 mesi. Al quarto mese di stop (maggio/giugno), il rischio è quello che oltre l’82% dei Club non sopravviva. Infine, solo il 3,4% dei club avrebbe potuto avere le risorse economiche per resistere a cinque mesi di chiusura.”

fitness in italia dopo covid.jpg

L’impatto delle nuove chiusure

Al momento delle chiusure di ottobre si stimava che il 30-35% degli iscritti a palestre e piscine non fosse rientrato dopo le chiusure di marzo. Lo evidenziava Giampaolo Duregon, presidente Anif, l’associazione italiana per lo sport e il fitness, guardando però con positività al dato complementare: “Nell’ultima settimana di maggio (la prima di riaperture) nei centri sportivi c’è stato un 50 per cento della frequenza in rapporto allo stesso periodo dell’ultima settimana di maggio 2019. Il dato è incoraggiante: visto quel che è successo, ci si aspettava di meno. Speriamo di risalire nel gennaio 2021 ai risultati di gennaio 2019. Se non sarà così, punteremo sulla primavera successiva.”

Sembra però che la risalita sia ancora lontana. Si riparte da zero, con nuove chiusure di cui al momento non si conosce un limite temporale. In soccorso del settore è arrivato il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, che ha comunicato: “già dal 15 novembre 2020 si prevedono i primi rimborsi per i trainer con un aumento di 200 euro: da 600 a 800 come indennità, 50 milioni di fondo perduto per ASD, SSD da subito a fondo perduto automatico per SPD con codici Ateco che ne avevano già usufruito. Con l’augurio che il mondo dello sport possa riprendere al più presto. Nonostante gli aiuti un altro mese o più mesi produrranno un danno, che va ad aggiungersi alla perdita avuta.”

Pubblicato in Lifestyle, Ricerca il 20 novembre 2020 alle 11:15

Commenti

Avatar utente Eugenia - 01 dicembre 2020 16:38
ritengo che tante attività possano essere svolte online attraverso webcam o anche no, esistono già corsi fitness su You Tube e sono nate diverse APP sul tema fitness che prima non esistevano



Devi accedere per poter postare un commento.

PRIVACY POLICY E INFORMATIVA SULL’USO DEI COOKIE

Gentile Utente, 

i tuoi dati personali (nome/cognome, email) e qualsiasi altra informazione che potrai fornirci volontariamente via email e attraverso il form di contatto del sito https://www.sigmaconsulting.biz (“Sito”) saranno trattati per le finalità di seguito illustrate:

• evasione delle richieste di informazioni che ci hai inoltrato;

• svolgimento di studi e ricerche su base anonima inerenti alle visite e alla navigazione del Sito;

• invio di informazioni sulle nostre attività.  


I dati personali sono forniti su base volontaria e per il loro trattamento viene richiesto il tuo consenso. In caso di mancato conferimento del consenso non potremmo dare corso alle richieste inoltrate attraverso il form di contatto.


Il trattamento dei dati sarà effettuato in Italia da parte di nostri dipendenti, collaboratori e soggetti incaricati per attività di aggiornamento e manutenzione del Sito. I tuoi dati non saranno diffusi, né trasferiti verso Paesi extra UE.


I dati saranno trattati per il periodo necessario ad evadere la richiesta e fino a tua revoca per quanto riguarda l’invio di informazioni sulla nostra attività.


Relativamente ai dati personali, in ogni momento mediante semplice richiesta scritta indirizzata al Titolare, anche a mezzo email o tramite soggetto delegato, potrai (i) ottenere l'accesso ai dati personali per conoscere origine dei dati, finalità del trattamento, logica applicata al trattamento con uso di strumenti elettronici, categorie di dati, destinatari (o categorie di destinatari) ai quali gli stessi saranno comunicati, periodo di conservazione, e la loro comunicazione in una forma intellegibile; (ii) ottenere la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati o la limitazione del trattamento; (iii) opporti al trattamento dei tuoi dati personali; (iv) ottenere la portabilità dei dati, ove pertinente; (v) revocare il consenso in qualsiasi momento; (vi) proporre reclamo ad un'autorità di controllo.

Il sito fa utilizzo dei seguenti cookie:

Nome: october_session
Dominio: www.sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per la gestione degli accessi alle varie sezioni del sito

Nome: _gat_gtag_UA_98725341_1
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _gid
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 1 anno
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _ga
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 2 anni
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Come rimuovere i cookies da Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647
Come rimuovere i cookies da Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
Come rimuovere i cookies da Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Come rimuovere i cookies da Opera: https://help.opera.com/en/latest/web-preferences/#cookies

Titolare del trattamento:

Sigma  Consulting S.r.l.s., sede legale Pesaro (PU), Via del Cinema n. 5,  c.a.p. 61122; Tel.: 0721.415210, Fax: 0721.1622038, e-mail: info@sigmaconsulting.biz, P.E.C.: sigmaconsulting@gigapec.it;

Responsabile della Protezione dei Dati (DPO):

Avv. Silvia Dalle Nogare con domicilio in Via Battaglione Val Chiese, 10 - 36100 Vicenza c/o Pacta Avvocati Associati; Tel. 0444 564365, Fax 0444 280296, e-mail: silvia.dallenogare@pactavvocati.it, P.E.C.: silvia.dallenogare@ordineavvocativicenza.it.