Le donne dopo il Covid: non lasciateci indietro!


Il settimanale Grazia si è occupato, di recente, della questione femminile nella cornice dell’emergenza Covid. Ha raccolto le testimonianze di molte donne che non ci stanno a finire nell’ombra alla fine di un lockdown che le ha viste più che mai protagoniste, ma troppo spesso sottovalutate.

Sebbene esistano delle fortunate eccezioni, troppo spesso le donne lavoratrici, nel passaggio dall’ufficio allo smart working, si sono dovute sobbarcare anche le faccende domestiche e la cura dei figli, mansioni non retribuite e che hanno ridotto il tempo libero ai minimi storici. Moltissime mamme e mogli hanno ammesso di aver indossato loro malgrado, e senza deciderlo coscientemente, i panni della casalinga a tempo pieno, dovendo però continuare a rendere conto a capufficio e colleghi, scadenze e consegne di lavoro.

Silvia Grilli, direttrice del settimanale, al grido di “Facciamoci sentire!”, riflette: “Diciamolo subito: le donne non sono angeli. Ci hanno dipinto così nella rappresentazione figurativa della quarantena. Angeli del focolare, mentre teniamo in piedi le famiglie; angeli negli ospedali dove siamo l’80 percento della forza sanitaria; angeli nei supermercati, dove abbiamo continuato a essere la maggioranza del personale lavorativo. E mentre i cosiddetti “angeli” si davano da fare indefessamente con il loro lavoro fuori casa o a distanza, con i figli, i coniugi, i genitori anziani sacrificando se stesse, le commissioni governative composte da uomini si dimenticavano di noi.”

Un esempio è la questione scuole: far ripartire il Paese lasciando chiuse le scuole significa delegare alle donne il carico dell’assistenza dei figli. Prolungare lo smart working solo per le donne significa, a sua volta, costringerle a rimanere a casa. Spesso contro la loro volontà e le loro ambizioni.

Di chi è la “colpa”?

La mancanza di un progetto nazionale di parità di genere rischia di tagliare le donne fuori dal mondo del lavoro, nella crisi economica che inevitabilmente seguirà quella sanitaria. Sono molte, troppe, le donne che dopo aver assolto ai loro mille ruoli durante il lockdown si vedranno infine escluse dalla possibilità di continuare o addirittura avanzare nella propria carriera.

Un sistema di welfare mal funzionante contribuisce a gettare sulle spalle delle donne il peso della gestione familiare. Affidare i figli ai nonni è spesso una soluzione temporanea e che purtroppo non tutte hanno a disposizione. Le mamme chiedono quindi maggiore voce in politica, dove ancora a volte vengono messe in secondo piano.

Le quote rosa: giuste o sbagliate?

Parlando di donne e del loro ruolo che in molti ambienti è ancora purtroppo marginale, non si può non citare le celeberrime quote rosa. Tra chi le ritiene giuste e chi pensa che mortifichino ulteriormente il ruolo delle donne, così ridotte ad un asettico numero, il dibattito resta aperto. La ministra delle Pari Opportunità e della Famiglia Elena Bonetti spiega il suo punto di vista sull’argomento, che è molto equilibrato e ben motivato. “Le quote non sono un obiettivo, ma una fase per l’attivazione di un processo che dovrebbe essere naturale. [...] Una società migliore si costruisce partendo dalla famiglia, dai libri di scuola e arrivando al mondo del lavoro”. Le donne, quindi, andrebbero valorizzate sin dall’età scolare, dove dimostrano un approccio diverso da quello maschile e dove la loro intelligenza e le loro peculiarità andrebbero incentivate anziché mortificate o sottovalutate.

Non sappiamo se l’emergenza Covid si tradurrà, per le donne, in tristi passi indietro sulla strada della parità di genere o nella rivendicazione di un ruolo fondamentale perché una famiglia, ma anche un Paese e un sistema funzionino correttamente.

Se sei una donna, come hai vissuto il periodo del lockdown? Hai dovuto sobbarcarti compiti più faticosi del solito o sei stata aiutata dal tuo partner, dalla tua famiglia e dal tuo ambiente di lavoro? Come pensi che l’Italia possa rendere sempre più stretto il divario tra i generi? Diccelo nei commenti.

Pubblicato in Lifestyle il 04 giugno 2020 alle 16:00

Commenti


Devi accedere per poter postare un commento.

PRIVACY POLICY E INFORMATIVA SULL’USO DEI COOKIE

Gentile Utente, 

i tuoi dati personali (nome/cognome, email) e qualsiasi altra informazione che potrai fornirci volontariamente via email e attraverso il form di contatto del sito https://www.sigmaconsulting.biz (“Sito”) saranno trattati per le finalità di seguito illustrate:

• evasione delle richieste di informazioni che ci hai inoltrato;

• svolgimento di studi e ricerche su base anonima inerenti alle visite e alla navigazione del Sito;

• invio di informazioni sulle nostre attività.  


I dati personali sono forniti su base volontaria e per il loro trattamento viene richiesto il tuo consenso. In caso di mancato conferimento del consenso non potremmo dare corso alle richieste inoltrate attraverso il form di contatto.


Il trattamento dei dati sarà effettuato in Italia da parte di nostri dipendenti, collaboratori e soggetti incaricati per attività di aggiornamento e manutenzione del Sito. I tuoi dati non saranno diffusi, né trasferiti verso Paesi extra UE.


I dati saranno trattati per il periodo necessario ad evadere la richiesta e fino a tua revoca per quanto riguarda l’invio di informazioni sulla nostra attività.


Relativamente ai dati personali, in ogni momento mediante semplice richiesta scritta indirizzata al Titolare, anche a mezzo email o tramite soggetto delegato, potrai (i) ottenere l'accesso ai dati personali per conoscere origine dei dati, finalità del trattamento, logica applicata al trattamento con uso di strumenti elettronici, categorie di dati, destinatari (o categorie di destinatari) ai quali gli stessi saranno comunicati, periodo di conservazione, e la loro comunicazione in una forma intellegibile; (ii) ottenere la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati o la limitazione del trattamento; (iii) opporti al trattamento dei tuoi dati personali; (iv) ottenere la portabilità dei dati, ove pertinente; (v) revocare il consenso in qualsiasi momento; (vi) proporre reclamo ad un'autorità di controllo.

Il sito fa utilizzo dei seguenti cookie:

Nome: october_session
Dominio: www.sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per la gestione degli accessi alle varie sezioni del sito

Nome: _gat_gtag_UA_98725341_1
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _gid
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 1 anno
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _ga
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 2 anni
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Come rimuovere i cookies da Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647
Come rimuovere i cookies da Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
Come rimuovere i cookies da Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Come rimuovere i cookies da Opera: https://help.opera.com/en/latest/web-preferences/#cookies

Titolare del trattamento:

Sigma  Consulting S.r.l.s., sede legale Pesaro (PU), Via del Cinema n. 5,  c.a.p. 61122; Tel.: 0721.415210, Fax: 0721.1622038, e-mail: info@sigmaconsulting.biz, P.E.C.: sigmaconsulting@gigapec.it;

Responsabile della Protezione dei Dati (DPO):

Avv. Silvia Dalle Nogare con domicilio in Via Battaglione Val Chiese, 10 - 36100 Vicenza c/o Pacta Avvocati Associati; Tel. 0444 564365, Fax 0444 280296, e-mail: silvia.dallenogare@pactavvocati.it, P.E.C.: silvia.dallenogare@ordineavvocativicenza.it.