Dieta: gli italiani la fanno meglio? Non sempre


A settembre, puntuale come le foglie che ingialliscono e le giornate che si accorciano, torna lei: la lista dei buoni propositi. Non la si vedeva da gennaio, e invece eccola lì, ancora intatta e pur sempre animata da quella strana convinzione per cui se fino a ieri eravamo stesi sul telo mare a mangiare gelato direttamente dalla vaschetta, dal primo di settembre diventeremo monaci zen con una volontà di ferro, capaci di svegliarsi all’alba, mangiare solo semi e radici e fare attività fisica ogni giorno. Inevitabilmente, passata la prima settimana, insieme alle energie svaniscono anche i buoni propositi per i quali si può aspettare nuovamente l’inizio di gennaio.

Ma quali sono le buone abitudini che gli italiani intendono adottare al rientro dalle vacanze estive? La prima è sempre lei, croce e delizia dell’inizio di ogni nuovo ciclo: la dieta.
Le strategie più comuni adottate per risolvere il problema dei chili in eccesso sono purtroppo assai meno lodevoli del proposito in sé:

  • Diete drastiche, di moda, conosciute tramite passaparola, social, riviste femminili e ovviamente fai da te
  • Pasti sostitutivi, sotto forma di beveroni, tisane, barrette e snack ipocalorici

Per fare chiarezza su un tema persino inflazionato, ma su cui purtroppo circolano ancora molte leggende metropolitane, ci siamo rivolti ad una professionista della nutrizione, la dottoressa Elena Punzi. Insieme a lei capiremo quali siano i possibili danni derivanti da questi approcci amatoriali alla nutrizione.

Diete lampo

dieta fai da te.jpg

Quando si rende evidente una reale necessità di perdere un peso importante, l’unica strada percorribile è, ahimè, quella dell’impegno e della costanza. Chi si affida a diete scovate su Internet, su riviste femminili o passate di bocca in bocca, rischia infatti di andare incontro a problematiche ben più importanti del sovrappeso.

Tra le diete più famose ed efficaci (soprattutto nel primo periodo di restrizione calorica) rientrano quelle che tendono ad eliminare un intero gruppo di nutrienti, primi tra tutti i carboidrati, privilegiando come fonti di energia le proteine e i grassi. Sebbene questo approccio garantisca un rapido calo di peso (di liquidi soprattutto) gli effetti a lungo termine sono molto meno soddisfacenti. Quando seguita senza il controllo di un professionista serio e affidabile, una dieta così sbilanciata può affaticare i reni e il fegato, indebolire i muscoli e causare sbalzi d’umore, emicrania e stanchezza.

Le diete proteiche sono tutte dannose?

La dottoressa Elena Punzi spiega che questo tipo di diete non va demonizzato, ma è un argomento sul quale non si può improvvisare.

L’ormai nota dieta chetogenica, ad esempio, può dare ottimi risultati ed ha sul corpo effetti molto simili a quelli del digiuno terapeutico. Ciononostante, va seguita sotto lo stretto controllo di un professionista ed è da considerarsi una dieta di passaggio, in ottica di una rieducazione alimentare che riporti verso la ben più equilibrata e sana dieta mediterranea.

Non tutte le diete fai da te escludono una classe di nutrienti: molte sembrano avere un approccio più equilibrato e si limitano a ridurre il numero di calorie da introdurre giornalmente. Neanche questa strada, però, è percorribile sul lungo periodo. L’eccessiva restrizione calorica, infatti, incide innanzitutto sulla forza di volontà, che vacilla sin dai primi giorni, per poi intaccare la massa magra e portare a possibili carenze nutrizionali, indebolimento delle difese immunitarie e perdita di minerali dalle ossa (con conseguente rischio di osteoporosi).

Pasti sostitutivi

Una considerazione a parte meritano i sostituti dei pasti. Beveroni, zuppe liofilizzate, biscotti proteici e barrette ipocaloriche sono diventati estremamente reperibili grazie alla loro diffusione a macchia d’olio nel mondo dei social network. L’invidiabile forma fisica dei loro promotori ha sicuramente un grosso peso nelle decisioni dei consumatori, che scelgono sempre più spesso questo tipo di scorciatoia per raggiungere il tanto agognato peso forma.

Quali sono i pericoli nascosti in un’alimentazione che ricorra sistematicamente a pasti sostitutivi senza il controllo di un nutrizionista?

La dottoressa Punzi spiega: “Non mi sento di condannare a priori le formulazioni di questi sostituti del pasto, mi chiedo piuttosto quanti dei loro consumatori conoscano perfettamente l’origine delle materie prime in essi utilizzate. Non tutti i Paesi vantano gli stessi standard qualitativi, sarebbe quindi utile informarsi sulle certificazioni ottenute dalle materie e sulle loro successive lavorazioni. Il vero problema, però, sta nella difficile integrazione di questo tipo di prodotti all’interno di un corretto stile di vita. Lo stress psicofisico creato da un’alimentazione sbilanciata mette in pericolo il mantenimento di un peso corretto sul lungo periodo, innescando la spirale del poco piacevole effetto yoyo.”

Quale dieta è quindi consigliabile per risultati efficaci e duraturi?

Spesso le soluzioni più efficaci sono proprio sotto i nostri occhi: la dieta mediterranea. Si potrebbe dire che l’abbiamo inventata noi italiani, eppure sembriamo tanto desiderosi di allontanarcene per inseguire soluzioni più facili e veloci oltre confine.

Perdere peso è un’equazione molto più semplice di quello che noi abbiamo fatto diventare un problema irrisolvibile: per ottenerlo bisogna ridurre l’apporto calorico e aumentare il dispendio energetico. Il che significa modificare le proprie abitudini alimentari e aumentare l’attività fisica.

piramide fondazione dieta mediterranea.jpg

Fonte: fondazionedietamediterranea.it

Conclude la nutrizionista: “Quando ci rendiamo conto di aver esagerato e di ritrovarci con qualche rotolino di troppo, l’approccio più corretto è rivolgersi ad un professionista che guardi nel complesso alla salute fisica e mentale di chi ha di fronte, non solo al dimagrimento rapido e soddisfacente. Per mantenersi in salute ed evitare un ulteriore aumento di peso basta invece seguire le linee guida della Fondazione Dieta Mediterranea, privilegiando frutta e verdura di stagione e garantendo l’apporto di tutti i nutrienti e di vitamine e minerali, attraverso il corretto bilanciamento di carboidrati, proteine e grassi.”

Pubblicato in Lifestyle il 04 settembre 2019 alle 15:00

Commenti


Devi accedere per poter postare un commento.

PRIVACY POLICY E INFORMATIVA SULL’USO DEI COOKIE

Gentile Utente, 

i tuoi dati personali (nome/cognome, email) e qualsiasi altra informazione che potrai fornirci volontariamente via email e attraverso il form di contatto del sito https://www.sigmaconsulting.biz (“Sito”) saranno trattati per le finalità di seguito illustrate:

• evasione delle richieste di informazioni che ci hai inoltrato;

• svolgimento di studi e ricerche su base anonima inerenti alle visite e alla navigazione del Sito;

• invio di informazioni sulle nostre attività.  


I dati personali sono forniti su base volontaria e per il loro trattamento viene richiesto il tuo consenso. In caso di mancato conferimento del consenso non potremmo dare corso alle richieste inoltrate attraverso il form di contatto.


Il trattamento dei dati sarà effettuato in Italia da parte di nostri dipendenti, collaboratori e soggetti incaricati per attività di aggiornamento e manutenzione del Sito. I tuoi dati non saranno diffusi, né trasferiti verso Paesi extra UE.


I dati saranno trattati per il periodo necessario ad evadere la richiesta e fino a tua revoca per quanto riguarda l’invio di informazioni sulla nostra attività.


Relativamente ai dati personali, in ogni momento mediante semplice richiesta scritta indirizzata al Titolare, anche a mezzo email o tramite soggetto delegato, potrai (i) ottenere l'accesso ai dati personali per conoscere origine dei dati, finalità del trattamento, logica applicata al trattamento con uso di strumenti elettronici, categorie di dati, destinatari (o categorie di destinatari) ai quali gli stessi saranno comunicati, periodo di conservazione, e la loro comunicazione in una forma intellegibile; (ii) ottenere la rettifica, l’integrazione, la cancellazione dei dati o la limitazione del trattamento; (iii) opporti al trattamento dei tuoi dati personali; (iv) ottenere la portabilità dei dati, ove pertinente; (v) revocare il consenso in qualsiasi momento; (vi) proporre reclamo ad un'autorità di controllo.

Il sito fa utilizzo dei seguenti cookie:

Nome: october_session
Dominio: www.sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per la gestione degli accessi alle varie sezioni del sito

Nome: _gat_gtag_UA_98725341_1
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: sessione
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _gid
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 1 anno
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Nome: _ga
Dominio: .sigmaconsulting.biz
Durata: 2 anni
Finalità: cookie tecnico di sessione per il monitoraggio anonimizzato degli accessi via Google Analytics alle varie sezioni del sito. Nessun dato raccolto è ceduto a terzi.

Come rimuovere i cookies da Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647
Come rimuovere i cookies da Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Eliminare%20i%20cookie
Come rimuovere i cookies da Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Come rimuovere i cookies da Opera: https://help.opera.com/en/latest/web-preferences/#cookies

Titolare del trattamento:

Sigma  Consulting S.r.l.s., sede legale Pesaro (PU), Via del Cinema n. 5,  c.a.p. 61122; Tel.: 0721.415210, Fax: 0721.1622038, e-mail: info@sigmaconsulting.biz, P.E.C.: sigmaconsulting@gigapec.it;

Responsabile della Protezione dei Dati (DPO):

Avv. Silvia Dalle Nogare con domicilio in Via Battaglione Val Chiese, 10 - 36100 Vicenza c/o Pacta Avvocati Associati; Tel. 0444 564365, Fax 0444 280296, e-mail: silvia.dallenogare@pactavvocati.it, P.E.C.: silvia.dallenogare@ordineavvocativicenza.it.